Gori: "A Bergamo previsti meno vaccini che nel resto della Lombardia, incomprensibile" - BergamoNews
Su twitter

Gori: “A Bergamo previsti meno vaccini che nel resto della Lombardia, incomprensibile”

Il sindaco: "Se si tratta di un errore, va immediatamente corretto"

"Il piano vaccinale presentato da Regione Lombardia prevede che sia vaccinato il 60% della popolazione. Risulta quindi incomprensibile perché la previsione per la provincia di Bergamo si fermi a 417mila persone, pari al 38%. Se si tratta di un errore, va immediatamente corretto".

Lo scrive il sindaco di Bergamo, Giorgio Gori, in un post su Twitter. Secondo le stime diffuse dalla Regione saranno infatti 417 mila i bergamaschi coinvolti, all'incirca il 38% contro una media superiore al 60% per le altre province.

Più informazioni
leggi anche
  • Lotta al virus
    “Piano vaccinale, Bergamo svantaggiata”. E la Regione molla la piattaforma Aria
  • L'ordinanza
    Lombardia arancione scuro da mezzanotte di giovedì al 14 marzo
  • L'appello
    Commercio abusivo e vendita illegale di fiori, Ascom chiede più controlli
  • Covid, il punto al papa giovanni
    Bergamo: “Da 2 accessi a settimana a 10 al giorno”, cresce la pressione al pronto soccorso
  • Il book
    Migliori parrucchieri d’Italia: nella guida ci sono tre bergamaschi
  • Dopo le polemiche
    Vaccini per la Bergamasca, “740mila le dosi: la Regione ha ammesso l’errore”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it