Commercio abusivo e vendita illegale di fiori, Ascom chiede più controlli - BergamoNews
L'appello

Commercio abusivo e vendita illegale di fiori, Ascom chiede più controlli

Quella dei fioristi è una categoria messa in ginocchio dalla pandemia e che non ha ricevuto ristori da parte dello Stato perché i negozi sono sempre rimasti aperti anche se, nei fatti, privi di clientela.

Si avvicina la ricorrenza dell’8 marzo, Festa della Donna, e come ogni anno Ascom Confcommercio Bergamo invita a mantenere alta la guardia per contrastare il fenomeno dell’abusivismo e della vendita illegale di fiori.

“Anche quest’anno – sottolinea Adriano Vacchelli, presidente del Gruppo Fioristi di Ascom Confcommercio Bergamo, nella lettera inviata ai sindaci dei Comuni bergamaschi – si sono visti venditori abusivi nelle principali piazze e strade di paesi e città che hanno potuto vendere indisturbati la loro merce, a dispetto di ogni legge fiscale e amministrativa e, soprattutto, in mancata ottemperanza di tutti i provvedimenti anti-assembramento per il contrasto della diffusione del Covid 19. Tale situazione produce un danno enorme agli operatori in regola, i quali devono giustamente operare nel rispetto di tutte le norme, comprese quelle sanitarie”.

leggi anche
  • Bergamo
    Fiamme su bus in pieno centro città, intervengono i vigili del fuoco
  • Su twitter
    Gori: “A Bergamo previsti meno vaccini che nel resto della Lombardia, incomprensibile”
  • Il cantiere
    “Treviolo-Paladina, problemi idrogeologici e ambientali, cittadini preoccupati”
  • Il comune informa
    Nelle case dei residenti di Treviolo in arrivo l’opuscolo sui servizi digitali
  • Scuola e lavoro
    Il Covid non ferma il “Salone Aziendale” al Belotti: 590 colloqui con 21 imprese
  • 8ª edizione
    Premio eccellenze d’impresa: aperte le candidature
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it