Figliuolo commissario per l’emergenza: dal suo comando i camion con le bare a Bergamo - BergamoNews
L’alpino

Figliuolo commissario per l’emergenza: dal suo comando i camion con le bare a Bergamo

Francesco Paolo Figliuolo con Bergamo ha un legame: dal suo comando venivano infatti i camion che trasportarono le vittime senza sepoltura nell’ora più buia della pandemia italiana

Il presidente del Consiglio Mario Draghi ha sostituito Domenico Arcuri e ha nominato commissario per l’emergenza l’alpino Francesco Paolo Figliuolo, Generale di Corpo d’Armata.

Che con Bergamo ha un legame: dal suo comando venivano infatti i camion che trasportarono le vittime senza sepoltura nell’ora più buia della pandemia italiana, nel marzo dell’anno scorso.

“Un fulmine a ciel sereno – ha commentato il nuovo commissario appena saputo della nomina -, per me una grande attestazione. Metterò tutto me stesso e tutto l’impegno possibile per fronteggiare questa pandemia”.

Figliuolo, originario di Potenza, classe 1961, sposato, con due figli, è dal 7 novembre 2018 comandante logistico dell’Esercito. Ha ricoperto molteplici incarichi: è stato capo ufficio generale del capo di Stato maggiore della Difesa, comandante del contingente nazionale in Afghanistan, nell’ambito dell’operazione ISAF e come comandante delle forze Nato in Kosovo.

leggi anche
  • Commissario covid
    Draghi sostituisce Arcuri con il generale Figliuolo
    DRAGHI ARCURI
leggi anche
  • Covid
    “Arancione rafforzato” per Brescia, Como Cremona e 49 Comuni lombardi: 8 bergamaschi
    zona arancione
  • Commissario covid
    Draghi sostituisce Arcuri con il generale Figliuolo
    DRAGHI ARCURI
  • Inchiesta covid
    Piano pandemico, magistrati di Bergamo a Roma per ascoltare ex ministri della Salute
    pm roma
  • Vota
    Passaporto vaccinale: l’UE lo vuole, il garante della privacy dice No. E tu?
    Passaporto vaccinale nostra
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it