Piano pandemico, magistrati di Bergamo a Roma per ascoltare ex ministri della Salute - BergamoNews
Inchiesta covid

Piano pandemico, magistrati di Bergamo a Roma per ascoltare ex ministri della Salute

Anche Beatrice Lorenzin e Giulia Grillo finiscono nell'elenco: mercoledì le loro audizioni

Anche gli ex ministri della Salute Beatrice Lorenzin e Giulia Grillo finiscono nell’elenco di persone da ascoltare per i magistrati bergamaschi dell’inchiesta Covid. Mercoledì 3 marzo il pool guidato dal procuratore aggiunto Maria Cristina Rota, insieme agli uomini della Finanza, si recheranno a Roma per le audizioni.

L’argomento principale sarà ancora quello del piano pandemico non aggiornato e scattato in ritardo all’inizio dello scorso anno, con la scoperta dei primi casi di contagiati da Covid 19.

L’obiettivo è quello di accertare eventuali responsabilità nella gestione dell’emergenza pandemica, che ha colpito in particolare la provincia orobica.

I pm di Bergamo hanno già sentito nelle scorse settimane molte persone che hanno lavorato e deciso in quei mesi caldi, tra cui diversi ex ministri e l’attuale della Salute Roberto Speranza, oltre all’ex premier Giuseppe Conte.

leggi anche
  • 71ª edizione
    Canzoni, abiti da sera e fiori, ma niente pubblico: tutto pronto per Sanremo 2021
  • I dati
    Covid, i nuovi positivi sono 2.135 in Lombardia: a Bergamo 275
  • Commissario covid
    Draghi sostituisce Arcuri con il generale Figliuolo
  • Covid
    “Arancione rafforzato” per Brescia, Como Cremona e 49 Comuni lombardi: 8 bergamaschi
  • L’alpino
    Figliuolo commissario per l’emergenza: dal suo comando i camion con le bare a Bergamo
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it