Vaccini, ad Antegnate e Chiuduno 2.500 dosi. Zona rossa a Valgoglio, via ai tamponi - BergamoNews
Emergenza covid-19

Vaccini, ad Antegnate e Chiuduno 2.500 dosi. Zona rossa a Valgoglio, via ai tamponi

Oltre alla campagna per gli over 80, avviata quella dei cittadini tra i 60 e i 79 anni residenti nei 15 paesi bergamaschi individuati per creare una cintura sanitaria e contrastare l’espansione del virus nella aree vicine al Bresciano

Quasi 2.500 vaccinazioni. È stato un weekend intenso per gli operatori sanitari dell’Ats di Bergamo e delle Asst Bergamo Est e Bergamo Ovest che sotto la guida di Regione Lombardia hanno avviato il battesimo di fuoco nei due hub di Antegnate e Chiuduno.

Oltre alla già prevista campagna vaccinale per gli over 80, è stata avviata quella dei cittadini tra i 60 e i 79 anni residenti nei quindici comuni della Bergamasca, individuati per creare una cintura sanitaria e contrastare l’espansione del coronavirus nei territori limitrofi alla provincia di Brescia.

La macchina organizzativa dei due hub individuati nel territorio bergamasco (al Centro Commerciale “Shopping Center” di Antegnate e al polo fieristico di Chiuduno) si è messa subito in moto e ha pianificato le somministrazioni nel fine settimana.

“Entrambe i poli hanno dimostrato ampie potenzialità organizzative, in vista dell’imminente campagna vaccinale massiva – sottolinea Massimo Giupponi, direttore generale dell’Agenzia di Tutela della Salute di Bergamo -. Non sono mancati alcuni contrattempi in fase di prenotazione, che ci hanno permesso di capire le criticità del sistema ed eliminarle per quando i numeri saranno molto più alti, ma il risultato della prima giornata è positivo”.

“È stato un primo test di aumento significativo di vaccinazioni in un singolo centro, in vista della fase 2 – dichiara Peter Assembergs, direttore generale della Asst Bergamo Ovest -. Ringrazio tutti per la efficace partecipazione a questa giornata speciale che replichiamo domani”.

L’attività vaccinale prosegue ininterrottamente e oltre che nei due hub di Antegnate e Chiuduno, domani l’Asst Papa Giovanni XXIII di Bergamo somministrerà oltre 500 dosi per cittadini over 80 presso il punto vaccinale della fiera (350) e nel comune di S.Omobono Imagna (150).

“Siamo impegnati quotidianamente sia sul fronte delle vaccinazioni che su quello dell’assistenza – ricorda Francesco Locati, direttore generale della Asst Bergamo Est. -. La straordinaria macchina organizzativa si sta affinando, un grazie agli operatori che da domani garantiranno anche l’apertura pomeridiana presso il centro vaccinale di Chiuduno, per conseguire con un grande lavoro di squadra i target delineati dalla Regione”.

L’Ats di Bergamo è nel frattempo impegnata anche su un altro fronte, in alta Valle Seriana, dove a seguito dell’ordinanza firmata dal presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana, il comune di Valgoglio è da oggi inserito in “fascia rossa”. L’Agenzia di Tutela della Salute di Bergamo nel fine settimana ha avviato la campagna di screening, iniziando dalla popolazione scolastica, con i primi 60 tamponi, come condiviso con l’amministrazione comunale e di ambito territoriale.

“Un doveroso ringraziamento va a tutti gli operatori sanitari volontari, ai dipendenti del servizio sanitario regionale e ai medici di medicina generale e a quelli delle Usca territoriali, che si sono resi disponibili per la realizzazione di questo immenso lavoro che, grazie a loro, sta avendo un enorme successo”, conclude il direttore generale di Ats Bergamo Giupponi.

leggi anche
  • I dati di domenica 28 febbraio
    Covid: altri 280 positivi a Bergamo, 3.529 in Lombardia
  • Il caso
    Pochi a Chiuduno, troppi ad Antegnate: domenica difficile per i vaccini degli anziani
  • Alex pennacchio
    Il sindaco di Lovere: “Al lavoro per un punto vaccinale sul territorio”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it