L'Atalanta deve dimenticare il Real e non sottovalutare la Samp - BergamoNews
La presentazione

L’Atalanta deve dimenticare il Real e non sottovalutare la Samp

I bergamaschi a Marassi sono ospiti dei blucerchiati: obiettivo lasciarsi alle spalle il ko di mercoledì e continuare la corsa Champions

È ancora alta la rabbia per la partita persa contro il Real in Champions, ma la Dea deve nuovamente pensare al campionato rendendo visita nel lunch match alla Sampdoria.

Tornando per un attimo a mercoledì, l’Atalanta ha certamente subito dei torti arbitrali, ma nonostante questo ha tenuto testa, con un uomo in meno, per quasi 70 minuti ai Galacticos che solo nel finale sono riusciti a trovare un gol abbastanza casuale. Chiaro che ora servirà un’impresa a Madrid per superare il turno, ma ancora una volta i nerazzurri hanno dimostrato che non si trovano per caso nel gotha del calcio europeo.

Ora, però, testa e concentrazione di nuovo sul campionato, che propone agli atalantini una trasferta certamente insidiosa, anche perché da qualche tempo a questa parte i blucerchiati sembrano essersi ritrovati. Pur essendo infatti reduci dalla sconfitta esterna con la Lazio, peraltro immeritata, la squadra di Ranieri sembra aver definitivamente lasciato le zone torbide della classifica, tanto che ora si trova al 10° posto della graduatoria con 30 punti, ampiamente lontana da qualsiasi pericolo.

Mercoledì scorso il ko interno col Real, tra rabbia e polemiche

Sarà interessante capire quanto peserà nelle gambe e nella testa dei Gasp boys la fatica e la delusione della partita contro il Real, perché oggi sarebbe davvero importante proseguire nella lotta verso l’Europa accaparrandosi i tre punti. Ma, ripeto, è una partita difficile, da prendere con le consuete molle: se sottovaluti questi avversari, ti possono fare molto male.

Sono state 48 le occasioni di incontro tra le due formazioni al Ferraris in serie A: 28 volte ha prevalso la Samp, 6 volte l’Atalanta mentre 14 sono stati i pareggi. Considerando anche le partite giocate a Bergamo la situazione si riequilibra un po’: 39 vittorie Samp, 27 Atalanta e 31 pareggi.

Lo scorso anno la partita finì a reti inviolate, mentre al torneo precedente risale l’ultimo successo atalantino: vantaggio di Zapata, pareggio di Quagliarella e rete della vittoria di Gosens.

Il Doria non supera la Dea in casa dal campionato 2017-2018: Cristante illuse i nerazzurri che poi vennero superati dalle reti di Zapata (allora blucerchiato), Caprari e Linetty per il 3-1 finale.

Per gli amanti delle statistiche in due occasioni, piuttosto datate, la Samp ha superato l’Atalanta con 4 goldi scarto: nel 1955-1956 (tripletta di Tortul) e nel 1959-1960, in entrambe le occasioni fu un secco 4-0. A qualche anno prima (1948-1949) risale la partita con il maggior numero di reti: fu sempre una vittoria blucerchiata ma con il punteggio di 4-2.

Il miglior risultato ottenuto dalla Dea a Marassi è invece lo 0-2 del campionato 1991-1992 quando la coppia Careca-Caniggia annientò gli allora campioni d’Italia.

La partita d’andata coincise con una pessima prestazione della Dea che venne meritatamente battuta dalla Samp per 3-1 grazie alle reti di Quagliarella, Thorsby e Jankto, solo intervallate dalla marcatura di Zapata.

All'andata al Gewiss Stadium finì 3-1 per la Samp

In casa nerazzurra è probabile che Gasperini conceda di rifiatare a qualche giocatore. Assenti certi Djimsiti (squalificato), Hateboer (infortunato) e Zapata (che pare debba saltare solo la gara odierna). C’è attesa infine per capire se il mister di Grugliasco impiegherà o meno Ilicic dopo lo screzio di mercoledì.

Ranieri dal canto suo dovrà fare a meno dello squalificato Adrien Silva, che è l’unico indisponibile nelle file dei blucerchiati. Per il resto quindi giocherà l’undici ideale con il temibile attacco formato da Keita Balde e Quagliarella.

Per quanto concerne la carrellata degli ex entrambi gli attaccanti nerazzurri hanno vestito in passato la casacca blucerchiata: Duvan Zapata per 31 volte con 11 reti e Luis Muriel in 79 occasioni con 21 marcature. L’altro ex è Manolo Gabbiadini che a Bergamo ha giocato 25 partite segnando 1 gol.

Mi perdonerete se vado sul personale, ma per il mio compleanno una vittoria sarebbe davvero un regalo molto gradito.

leggi anche
  • Il bomber colombiano
    Atalanta, nessuna lesione per Zapata
  • In tv
    Stromberg-Sonetti, siparietto su Sky: “L’arbitro di Atalanta-Real ha fatto una bischerata”
  • La reazione
    Assembramenti pre partita, Gori: “Déjà-vù di Atalanta-Valencia. Spero nelle sanzioni”
  • Bergamo
    Mille tifosi fuori dallo stadio prima di Atalanta-Real: rischiano sanzione e Daspo
  • 0-1 al gewiss
    Beffa Mendy all’86’: Atalanta ko col Real, al ritorno servirà un’impresa
  • Mercoledì
    Centinaia di persone fuori dallo stadio di Bergamo per Atalanta-Real Madrid
  • La scomparsa
    Atalanta in lutto: morto a 21 anni l’ex centrocampista della Primavera Ta Bi
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it