Rottamazione e saldo e stralcio: proroga dei versamenti - BergamoNews
La novità

Rottamazione e saldo e stralcio: proroga dei versamenti

Non ancora stabilita la nuova scadenza

In arrivo una proroga per i versamenti relativi alle rate per la Rottamazione Ter e per la regolarizzazione cosiddetta “saldo e stralcio”.

Lo afferma il ministero dell’Economia e delle Finanze in una nota non precisando la nuova data, che sarà fissata nei prossimi giorni, entro la quale dovrà essere fatto il pagamento.

“È in corso di redazione – afferma il ministero – il provvedimento che differirà il termine del 1° marzo 2021 per il pagamento delle rate della ‘rottamazione-ter’ (articoli 3 e 5 del DL n. 119/2018) e del “saldo e stralcio” (art. 1 commi 190 e 193 della Legge 145/2018). Il termine riguarda le rate del 2020 ancora non versate a cui si aggiunge la prima rata del 2021 della rottamazione-ter”.

Il provvedimento – viene spiegato – entrerà in vigore successivamente al primo marzo 2021 e “i pagamenti, anche se non intervenuti entro tale data, saranno considerati tempestivi purché effettuati nei limiti del differimento che sarà disposto”.

leggi anche
  • Fisco facile
    Rinvio delle cartelle e ipotesi di nuova rottamazione: il punto
  • I numeri
    Saldo-stralcio e rottamazione, in arrivo a Bergamo 6.800 lettere dal Fisco
  • Agenzia delle entrate
    Rottamazione-Ter, prima rata entro 5 agosto: chi non paga perde i benefici
  • Alta val seriana
    Covid, Fontana firma l’ordinanza: Valgoglio è in fascia rossa
  • Il caso
    Scandalo di Albano, la maggioranza vicina al sindaco: “Continuiamo a testa alta”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it