Quantcast
"Pensare dalla Ripa" diventa online: Carlo Sini protagonista del primo incontro - BergamoNews
La serie

“Pensare dalla Ripa” diventa online: Carlo Sini protagonista del primo incontro

L'appuntamento è il 1° marzo e si potrà vedere in streaming su Zoom e Youtube

“Pensare dalla Ripa”, il ciclo d’incontri sui temi di attualità, diventa online. Lo annuncia l’associazione culturale “Diaforà” con sede in Albino nel convento quattrocentesco della Ripa.

Ogni anno questa realtà propone convegni e seminari invitando personalità del mondo accademico e politico. Lo scorso anno aveva in programma quattro incontri su “La verità del falso” ma dopo il primo incontro a febbraio 2020 con Enrico Letta non è stato più possibile proseguire a causa della pandemia da Coronavirus. E tra le vittime c’è stato anche il vicepresidente, Fabrizio Persico, l’anima dell’associazione.

Ma ora Diaforà intende ripartire laddove era rimasta, riprendendo il tema “La verità del falso”, aggiungendo la voce di un epidemiologo. Ripartirà virtualmente con incontri su Zoom e diretta su YouTube: il primo appuntamento è il 1° marzo con Carlo Sini:
https://www.facebook.com/search/top?q=diafora_centro_studi
https://www.instagram.com/diafora_centro_studi/
https://www.diafora.info/ (in corso di aggiornamento)

leggi anche
promessi sposi sceneggiato 1966
Nostalgica tv - 36
Cala il sipario sugli sceneggiati e su un’altra tv: attori teatrali, testi letterari, super registi
Intesa Sanpaolo
Credito
Intesa Sanpaolo, Bergamo sarà la sede per la direzione Lombardia Nord
Giamba Merelli
Il dramma
Castione, trovato senza vita l’escursionista Giamba Merelli
elisoccorso
Soccorso alpino
Presolana, 67enne non torna dall’escursione: iniziano le ricerche
Lucia Isonni
L'annuncio
Sci di fondo, Schilpario ospiterà la Coppa Italia e i Campionati Italiani Under 14
“Jurassic World
La recensione
“Jurassic World”: il ritorno di Jurassic Park dopo 14 anni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it