Montello, dopo il presidio antisfratto: multe da 400 euro agli attivisti - BergamoNews
Il caso

Montello, dopo il presidio antisfratto: multe da 400 euro agli attivisti

Le Forze dell’ordine – col preteso infondato del mancato distanziamento anticovid - hanno elevato 400 euro di multa ciascuno ad almeno una dozzina fra attivisti e inquilini

Il 15 gennaio scorso si era svolto un presidio solidale dell’Unione Inquilini per evitare in extremis sgomberi di tre famiglie, tra cui 2 con minori, in pieno inverno, in piena emergenza Covid19, senza alcuna soluzione abitativa alternativa al condominio di via Pascoli 2 a Montello.

Nelle settimane precedenti infatti erano stati vani tutti i tentativi di Unione Inquilini di interloquire con la proprietà, con il custode giudiziario, con i sindaci, con il Prefetto (a cui sono state inviate quattro lettere in tempi diversi) al fine di poter concordare un rinvio dello sgombero in attesa di poter garantire alle famiglie ragionevoli soluzioni abitative alternative.

Grazie alla mobilitazione solidale degli inquilini e degli attivisti, con il presidio del 15 gennaio, di cui la Questura era stata regolarmente preavvisata e che si è svolto in modo pacifico nonché nel pieno rispetto delle normative anticovid, era stato possibile concordare un rinvio, sia pur breve, che aveva potuto evitare, almeno nell’immediato, un esito traumatico.
Ad un mese di distanza, mentre si sono fatti alcuni passi avanti nella ricerca di soluzioni abitative alternative per le famiglie sfrattate, le forze dell’ordine – col preteso infondato del mancato distanziamento anticovid – hanno pensato bene di comminare 400 euro di multa ciascuno ad (almeno) una dozzina fra attivisti e inquilini, ai quali i Carabinieri avevano chiesto di poter visionare i documenti di riconoscimento.

Secondo Unione Inquilini di Bergamo, che sostiene il ricorso contro le multe comminate in modo ingiustificato (ma che incidono pesantemente sul bilancio delle famiglie degli inquilini, pensionati, lavoratori, disoccupati…), si tratta di un atto di ritorsione e repressione da respingere seccamente, prima che siffatte pratiche intimidatorie e vessatorie vadano a costituire un precedente contro le lotte sociali nel contesto della grave crisi in corso, in particolare per quanto riguarda proprio le questioni casa e sfratti.

Unione Inquilini ha annunciato una serie di iniziative che intende dare corso contro il provvedimento e per una soluzione dei problemi delle famiglie sotto sfratto. Ad appoggiare l’iniziativa c’è il segretario nazionale del sindacato Massimo Pasquini, mentre la Senatrice Paola Nugnes annuncia un’interpellanza parlamentare che sarà depositata nei prossimi giorni.
Il segretario provinciale di Rifondazione Comunista Francesco Macario dichiara: “Piena solidarietà alle persone vessate a Montello, nonché l’impegno a denunciare e contrastare l’uso ormai generalizzato di multe e verbali per reprimere le proteste e le lotte sociali”.

leggi anche
  • La sfida
    ColorForward 2022, da RadiciGroup e Avient ColorWorks i colori di tendenza per le materie plastiche
  • Dal 27 - 29 agosto
    Ardesio, presentata la 2ª edizione del festival cinematografico Sacrae Scenae
  • I dati
    Covid, sono 4.191 i nuovi positivi in Lombardia: 315 a Bergamo
  • Sabato pomeriggio
    Fiorano al Serio, investito mentre attraversa la strada: muore 80enne, preso il pirata
  • Il mister
    Gasp avverte la Samp: “Il ko col Real? Ci darà ancora più carica per Genova”
  • La campagna
    “Cerco un uovo per amico”, la Polizia sostiene l’Associazione Italiana per la lotta al Neuroblastoma
  • Alta val seriana
    Covid, Fontana firma l’ordinanza: Valgoglio è in fascia rossa
  • Il caso
    Scandalo di Albano, la maggioranza vicina al sindaco: “Continuiamo a testa alta”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it