Tutto esaurito per le serate “Adolescenti in epoca Covid” - BergamoNews
Il comune informa

Tutto esaurito per le serate “Adolescenti in epoca Covid”

Circa 60 persone, tra genitori ed educatori, hanno aderito all’iniziativa

Evidentemente c’era proprio bisogno di incontrarsi, confrontarsi, avvalersi dei consigli degli esperti, per capire come aiutare e accompagnare adolescenti e pre-adolescenti in epoca Covid.

Infatti la prima serata dedicata a questo tema organizzata dall’Amministrazione comunale di Treviolo ha registrato il tutto esaurito. “Il bisogno dei cittadini è stato intercettato dalla commissione Politiche giovanili, che ha ideato e proposto questo progetto dedicato agli adulti ma pensato per i ragazzi – spiega l’assessore alle Politiche Giovanili Martina Locatelli -. Siamo molto contenti della grande partecipazione, sintomo che siamo riusciti a dare una risposta concreta ad una necessità della popolazione treviolese”.

Circa 60 le persone che hanno partecipato all’incontro in presenza di venerdì 19 febbraio alla sala convegni del centro diurno, in via Arioli Dolci 14: una platea composta al 60 per cento da genitori e al 40 per cento da insegnanti, educatori professionisti, catechisti, animatori, allenatori. Giuseppe Pinto, responsabile dell’area adolescenti e giovani della cooperativa Il Cantiere e Marinella Vicini, psicologa clinica e mediatrice familiare in formazione, hanno introdotto il delicato argomento: cos’hanno provocato l’emergenza Covid e il conseguente lockdown nella psiche degli adolescenti e dei pre-adolescenti? Cosa possono provare i ragazzi tra i 12 e i 18 anni in situazioni di isolamento e di mancata socializzazione con i propri coetanei? Come vivono la convivenza forzata in famiglia in un momento della vita in cui gli interessi prevalenti sono gli amici e la compagnia? Come aiutarli a superare questo difficile capitolo e a continuare ad avere fiducia nel futuro?

Al termine degli interventi degli esperti il pubblico si è confrontato con entusiasmo, parlando delle proprie esperienze personali e ponendo molte domande alle due figure professionali, che hanno preso spunto dal vissuto dei presenti per approfondire determinati aspetti, utili a tutti i partecipanti.

L’incontro, cominciato alle 20, si è concluso necessariamente alle 21.50 per consentire il rientro alle proprie abitazioni prima del coprifuoco delle 22. Durante la serata sono infatti state scrupolosamente osservate tutte le disposizioni di sicurezza anti-contagio: misurazione della temperatura, sanificazione delle mani, distanze di sicurezza.

Il prossimo incontro è in programma mercoledì 3 marzo – si terrà da remoto, viste le disposizioni del nuovo Dpcm – e sarà dedicato solamente ai genitori, mentre venerdì 5 marzo la serata sarà accessibile esclusivamente agli educatori. Una scelta dovuta al fatto che il rapporto con adolescenti e pre-adolescenti è diverso nella gestione domestica rispetto a quella delle varie attività collaterali come scuola, sport, catechismo, oratorio. Seguiranno altre due serate giovedì 18 marzo per i genitori e venerdì 19 marzo per gli educatori.

Per poter partecipare e consentire un’organizzazione puntuale, è consigliata la prenotazione. Le persone che hanno già preso parte alla prima serata riceveranno direttamente un’email con un link al quale iscriversi, mentre chi aderisce per la prima volta può accedere attraverso il link presente sul sito del Comune e sull’app Treviolo Smart.

Per informazioni e prenotazioni si può anche scrivere all’indirizzo commissionepg@comune.treviolo.bg.it

ARTICOLO A CURA DEL COMUNE DI TREVIOLO
leggi anche
  • Al papa giovanni
    Poste Italiane consegna a Bergamo 5.700 dosi di vaccino AstraZeneca
  • Il sindacato
    Contagi Covid, cresce la preoccupazione del personale della scuola
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it