San Paolo d'Argon, in casa 67 dosi di cocaina e oltre 6 mila euro: arrestato - BergamoNews
L'operazione

San Paolo d’Argon, in casa 67 dosi di cocaina e oltre 6 mila euro: arrestato

Al momento del controllo in auto aveva fornito un indirizzo falso, ma i carabinieri lo hanno riconosciuto e sono risaliti al suo vero domicilio dove nascondeva soldi e droga.

Nella giornata di giovedì 25 febbraio 2021 i carabinieri della Compagnia di Bergamo hanno arrestato, per detenzione di sostanze stupefacenti, un 30enne di origine marocchina residente a San Paolo d’Argon.

I militari della Stazione di Trescore Balneario, nel corso di un servizio perlustrativo nella zona industriale del paese, hanno notato l’uomo alla guida di una autovettura il quale, alla loro vista, ha provato a darsi alla fuga, accelerando repentinamente.

Raggiunto e fermato, è apparso subito molto nervoso ai militari, i quali lo hanno riconosciuto come soggetto già gravato da precedenti per detenzione e spaccio.

A richiesta del personale operante, l’uomo ha poi fornito un indirizzo di residenza falso, cosa che ha insospettito ancor di più i militari, che invece erano a conoscenza del suo effettivo domicilio a San Paolo d’Argon.

Per questo motivo lo hanno condotto lì, per procedere ad una perquisizione durante la quale, all’interno di un cassetto della credenza, sono state rinvenute ben 67 dosi di cocaina, mentre in due scatole per le scarpe sono stati trovati rispettivamente 6180 euro e materiale per il confezionamento della droga.

L’uomo è stato dunque portato in caserma dove è stato dichiarato in stato di arresto in attesa del giudizio direttissimo che si svolgerà venerdì mattina dinanzi al giudice del Tribunale di Bergamo.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it