Dona l'ingresso a un museo: a Bergamo arriva il "biglietto sospeso" - BergamoNews
Ecco in quali

Dona l’ingresso a un museo: a Bergamo arriva il “biglietto sospeso”

Per consentire a tutti di visitare il patrimonio culturale custodito nei musei della nostra città: ecco quali sono i musei in città che aderiscono

Da lunedì 1° marzo prende il via l’iniziativa “Biglietto sospeso”, un progetto di solidarietà che si pone l’obiettivo di consentire a tutti di visitare il patrimonio culturale custodito nei musei della nostra città.

L’idea nasce dall’usanza del “caffè sospeso” napoletano che, com’è noto, permette a chi non ha la possibilità economica di bere un caffè al bar, di prenderlo comunque grazie a qualcuno che generosamente ne ha pagato in precedenza uno in più.
Perché non fare la stessa cosa in un museo?

Ecco quindi l’iniziativa che, a partire dal prossimo lunedì, offrirà la possibilità a coloro che accedono nei musei di Bergamo di acquistare un biglietto in più per chi non può.

L’intento è quello di promuovere la partecipazione all’offerta culturale della città, sia essa artistica o scientifica, ad un numero sempre più ampio di persone e facilitare l’accesso agli spazi museali a coloro che altrimenti ne resterebbero molto probabilmente esclusi.

I beneficiari saranno infatti quei nuclei familiari in carico ai Servizi sociali che hanno l’esigenza o il desiderio di un’esperienza di questo tipo ma non possono sostenerne il costo. Sarà compito degli stessi Servizi sociali distribuire loro i biglietti donati in modo da garantire l’ingresso gratuito al museo con la massima discrezione.

“La povertà o la fragilità economica, che sta colpendo un numero sempre maggiore di famiglie della città anche a causa del persistere dell’emergenza sanitaria, si sta traducendo in un aggravamento dei divari sociali e in un peggioramento delle condizioni di povertà educativa di bambini e ragazzi. Per contrastare questa situazione è indispensabile agire attraverso un nuovo sistema integrato tra pubblico e privato, tra istituzione e cittadino, tra cittadino e cittadino capace di rileggere le nuove situazioni, formulare risposte anche inedite, trasformare una città in comunità”, dichiara l’assessora alle Politiche sociali Marcella Messina.

“Ogni cittadino ha diritto a partecipare alla vita culturale cittadina e ogni patrimonio pubblico, perché si possa definire veramente tale, deve garantirne l’accesso a tutti – afferma l’assessora alla Cultura Nadia Ghisalberti – Il costo del biglietto, importante per assicurare la sostenibilità dei musei, rappresenta a volte un ostacolo alla fruizione culturale per le fasce di popolazione più deboli economicamente. Per questo nasce il biglietto sospeso, che contando sulla generosità dei cittadini, vuole facilitare l’accesso ai musei specialmente in questo momento di ripresa delle attività. Ricordo che comunque l’ingresso in tutti i musei della città è gratuito fino ai 18 anni di età.”

I musei che hanno aderito all’iniziativa sono:

Museo Scienze Naturali
Museo Archeologico
Orto Botanico
Accademia Carrara
GAMeC (Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea)
Palazzo del Podestà
Museo Donizettiano
Torre dei Caduti
Campanone
Rocca
Convento di San Francesco

L’iniziativa “Biglietto sospeso” vale anche per i musei dove non è previsto un ingresso a pagamento. In quest’ultimo caso il biglietto sospeso potrà essere acquistato in caso di mostre temporanee a pagamento.

leggi anche
  • Nuovo riconoscimento
    Gamec, Lorenzo Giusti scelto da Artribune come miglior direttore di museo del 2020
  • Come sarà
    Verso Bergamo capitale della Cultura, il Museo archeologico di piazza Cittadella si rifà il look
  • Lorenzo giusti
    Gamec museo simbolo nell’era Covid: “A vincere è il rapporto con la comunità”
  • Il riconoscimento
    Il Giornale dell’Arte incorona la GAMeC di Bergamo miglior museo dell’anno
  • L'annuncio in regione
    A Vilminore nasce il Museo dedicato alla tragedia della Diga del Gleno
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it