Virtual Commissioning Automha: potenzialità e avanguardia - BergamoNews
A cura di

Automha

L'iniziativa

Virtual Commissioning Automha: potenzialità e avanguardia

L’ingegner Marco Mazzucchelli presenta il sistema ai neolaureati di Experis Academy

Automha, azienda leader nella progettazione, produzione e installazione di magazzini automatici di ultima generazione, sostiene attività di formazione continua e promozione sociale all’interno del proprio progetto di CSR Automha Hand. L’obiettivo di queste iniziative è valorizzare le risorse giovanili e prepararle al meglio per l’inserimento nel mondo del lavoro.

Ecco perchè in occasione dell’incontro online con gli studenti neolaureati di Experis Academy, il training center d’eccellenza di Manpower Group Italia, l’Ing. Marco Mazzucchelli del reparto R&D di Automha ha condiviso la propria esperienza in azienda e ha presentato una delle più recenti novità della realtà di Azzano San Paolo: il Virtual Commissioning.

“Il Virtual Commissioning – ha spiegato – è un sistema che riproduce il comportamento fisico di un impianto o macchina, grazie al quale si possono testare tutti i processi e i sistemi di controllo degli stessi, in maniera virtuale attraverso una simulazione software, con il fine di efficientare ed innovare il flusso di lavoro specifico dell’azienda committente, minimizzando i rischi e riducendo costi e tempi di messa in attività dell’impianto o della macchina”.

La virtualizzazione dell’impianto avviene infatti attraverso la realizzazione di un impianto gemello (Digital Twin), che anticipa lo sviluppo dell’automazione all’interno di un mondo digitale. Automha ha realizzato internamente una vasta libreria con la quale è in grado di autogenerare qualsiasi impianto.

Inizia poi il vero e proprio Virtual Commissioning, che consiste nel testare tutti gli elementi progettati e le relative automazioni, controllate tecnicamente da PLC (Programmable Logic Controller), Motion Control e HMI (Human Machine Interface), ed eliminare errori di programmazione che si potrebbero verificare durante l’automazione.

Progettato e realizzato con cura da parte degli esperti di Automha, che nel 2019 si sono dotati di un pacchetto di tre software Siemens (Plant Simulation, NX MCD, SIMIT) indispensabili per garantire il servizio ai clienti, il Virtual Commissioning offre numerosi vantaggi. Infatti, non solo offre la possibilità di ridurre i tempi di sviluppo dei software e quelli di gestione dei lavori, ma permette anche di effettuare numerosi test per verificare l’efficacia dei sistemi di sicurezza previsti. A questi benefici si aggiungono anche la riduzione dei tempi di consegna dell’impianto, se paragonato alla fase di commissioning on site più tradizionale che richiede più tempo (è stata stimata una riduzione del 60% dei tempi di produzione), e l’ottimizzazione dei sistemi per la riduzione dei consumi energetici.

“Noi di Automha siamo costantemente alla ricerca di soluzioni innovative e moderne per lo stoccaggio e il prelievo di merci in modo automatico. Il Virtual Commissioning ha rappresentato una vera e propria svolta, permettendoci di velocizzare i tempi di produzione a vantaggio dei nostri clienti» ha continuato Marco Mazzucchelli. «Per esempio, durante il periodo di lockdown, siamo riusciti a portare avanti tutte le nostre attività di commissioning in modalità virtuale per un cliente indiano del settore degli pneumatici, anche se erano già state precedentemente programmate on site. Anzi, abbiamo consegnato l’impianto prima dei tempi stimati”.

Un lavoro lungo e minuzioso, ma ricco di soddisfazioni. Infatti, grazie al servizio di Virtual Commissioning, Automha è oggi la sola azienda in Italia, e una tra le poche in Europa, a eseguire test in Virtual Commissioning così elaborati e a livelli di automazione avanzati.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it