L'Atalanta si ferma al rosso stop: l'”aiutino” al Real rovina tutto - BergamoNews
Appunti & virgole

L’Atalanta si ferma al rosso stop: l’”aiutino” al Real rovina tutto fotogallery

Non è stata la serata che si sognava: tutta in difesa per un regalo dell'arbitro, non per la superiorità della squadra di Zidane

L’Atalanta è l’unica squadra di Serie A senza espulsioni, in 23 giornate di campionato. Ecco, doveva trovare in Champions il Real Madrid, che evidentemente in Europa ha un potere innegabile e conta più di molte altre squadre, per riscoprire un cartellino rosso. Assurdo.

Una partita rovinata. Ed è un peccato, perché a tutto si pensava fuorchè dover parlare dell’arbitro in una sfida che poteva essere molto più interessante, ad armi pari, undici contro undici. Fatti salvi i valori delle due squadre, la forza di un Real a prescindere dalle nove assenze.

Ma la squadra di Zidane doveva meritarsela la vittoria, senza aiutini o aiutoni. Invece così non va e non è giusto, il tutto condito poi dalla beffa finale del gol subìto a pochi minuti dalla fine, quando Fort Apache sembrava davvero resistere. Ma lo stesso giocatore che aveva provocato l’espulsione (esagerata per tutto il mondo, non per l’arbitro) ha poi risolto la partita con quel tiro da fuori area che Gollini ha visto molto in ritardo.

Grande dispiacere perchè abbiamo anche scoperto un’Atalanta capace di difendersi, caratteristica che le appartiene ma non è abituata a esaltare, più portata com’è ad attaccare e fare gol. Una situazione paradossale, che richiama quella della partita di Coppa Italia con la Lazio, dove l’Atalanta ha resistito in 10 dal 53′ dopo l’espulsione di Palomino (nel caso senza protestare), riuscendo a chiudere la qualificazione sul 3-2.

Stavolta lo 0-0 sarebbe stato un gran risultato e mancava davvero pochissimo a realizzare quella che, a quel punto, sarebbe stata un’impresa.

E con l’uomo in meno i nerazzurri hanno dovuto concentrare le loro forze sulla difesa, per cui la serata che poteva essere la consacrazione anche per Muriel e Zapata o per la stella della scorsa Champions, Ilicic, è diventata una gara di resistenza, una battaglia.

I bomber hanno fatto quello che potevano, Zapata si è fermato per un problema muscolare, Muriel ha lasciato spazio a Ilicic e al momento si sperava che Josip riuscisse a tenere palla e a sostenere qualche contropiede, a mettere in apprensione i giocatori del Real con le sue finte, i suoi dribbling.

Questo probabilmente pensava Gasperini, anche perché Muriel aveva corso parecchio in quasi un’ora. Purtroppo non era la serata nemmeno di Ilicic: evidentemente questo arbitro, il tedesco Stieler, non porta fortuna neanche a lui, visto che era lo stesso di Atalanta-Shakhtar del 1° ottobre 2019, quando Ilicic sbagliò un rigore e l’Atalanta fu sconfitta (2-1) da un gol subìto al 95′.

Alla fine dei primi 45′ Gosens si è avvicinato al suo connazionale per capire come si fosse immaginato l’espulsione di Freuler, poi anche Robin nella ripresa (come sempre tra i migliori) è stato ammonito. Unico tra i nerazzurri.

Non era certo questa la partita che ci si aspettava, tra Atalanta e Real. A Bergamo si era visto un Liverpool che ha giganteggiato e travolto la Dea, un Ajax impressionante per ritmo e velocità ma poi bloccato sul 2-2, lo stesso Manchester City a Milano più bello da vedere. Il Real? Grande palleggio e circolazione di palla a ritmi bassi, ma senza pungere.

E forse proprio questo modo di giocare lascia almeno la sensazione che al ritorno, in undici contro undici, si possa riprovare anche a colpire, come per poco tempo hanno tentato di fare Muriel e Zapata.

Resta come stregata la vittoria a Bergamo, che nelle coppe europee manca da più di vent’anni, dal 12 dicembre 1990 Atalanta-Colonia 1-0 in Coppa Uefa, gol di Nicolini.

Però così, signor Stieler, come si fa a vincere?

leggi anche
  • 0-1 al gewiss
    Beffa Mendy all’86’: Atalanta ko col Real, al ritorno servirà un’impresa
  • Le pagelle
    Muriel si sacrifica, Pessina corre per due, Djimsiti non sbaglia una chiusura
  • Champions league
    Atalanta-Real Madrid, la diretta del match
  • Mercoledì
    Centinaia di persone fuori dallo stadio di Bergamo per Atalanta-Real Madrid
  • Bergamo
    Mille tifosi fuori dallo stadio prima di Atalanta-Real: rischiano sanzione e Daspo
  • La reazione
    Assembramenti pre partita, Gori: “Déjà-vù di Atalanta-Valencia. Spero nelle sanzioni”
  • In tv
    Stromberg-Sonetti, siparietto su Sky: “L’arbitro di Atalanta-Real ha fatto una bischerata”
  • Il mister
    Gasp avverte la Samp: “Il ko col Real? Ci darà ancora più carica per Genova”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it