Calderoli, "La Consulta: Conte responsabile per mancata zona rossa in Val Seriana" - BergamoNews
Corte costituzionale

Calderoli, “La Consulta: Conte responsabile per mancata zona rossa in Val Seriana”

Il senatore del Carroccio: la pronuncia della Corte Costituzionale accoglie il ricorso del Governo contro la legge anti-Dcpm della Valle D’Aosta e ribadisce che la determinazione delle misure necessarie al contrasto della pandemia spetta allo Stato e non alle Regioni.

“Ho sempre sostenuto, a ragione veduta, basandomi sui fatti e sul diritto vigente, che l’istituzione della zona rossa un anno fa in Val Seriana, ad Alzano e Nembro, fosse una decisione di competenza dello Stato, coinvolgendo tra l’altro le forze dell’ordine su cui nessuna Regione ha poteri o competenze – afferma il senatore bergamasco Roberto Calderoli -. Toccava all’allora Governo Conte assumersi questa responsabilità”.

“Esattamente un anno dopo arriva, mercoledì sera 24 febbraio, la pronuncia della Corte Costituzionale che accogliendo il ricorso del Governo contro la legge anti-Dcpm della Valle D’Aosta ribadisce che la determinazione delle misure necessarie al contrasto della pandemia spetta allo Stato e non alle Regioni – prosegue il vice presidente del Senato -. Dunque anche l’istituzione di zone rosse, con il coinvolgimento di forze armate e forze dell’ordine, spetta solo ed esclusivamente allo Stato. A questo punto, dopo quasi un anno, la verità sulle responsabilità del Governo Conte della mancata zona rossa in Val Seriana, nel momento massimo della diffusione del contagio, viene ristabilita dalla Consulta”.

leggi anche
  • Osio sotto
    Altri due giorni di sciopero alla Sematic: “Iniziativa spontanea dai lavoratori”
  • Bergamo
    Mille tifosi fuori dallo stadio prima di Atalanta-Real: rischiano sanzione e Daspo
  • “fronde di memoria”
    Caravaggio, oltre 200 alberi per ricordare le vittime del Covid
  • L'operazione
    Rubato a Sotto il Monte un anno fa, recuperato un camino in breccia dell’Ottocento
  • Polizia stradale
    Fuggono all’alt e abbandonano l’auto, a bordo 200mila euro di vestiti rubati
  • Bergamo
    Da lunedì 1° marzo partono le vaccinazioni in Fiera
  • Assemblea annuale
    Notai, il Covid rallenta l’attività a Bergamo (-6%), meglio della Lombardia e del Paese (-10%)
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it