Bandiera bianca per la Icar: in settimana istanza di fallimento - BergamoNews
Villa d’adda

Bandiera bianca per la Icar: in settimana istanza di fallimento

Tutti i pretendenti si sono ritirati, la Femca Cisl: il 2 marzo le assemblee

Nessun cavaliere azzurro per Icar. La ditta di Villa d’adda, produttrice di apparecchiature elettriche di alta potenza, circa 50 dipendenti, in un gruppo che ne conta oltre 200, ha alzato bandiera bianca e annunciato, nella call di mercoledì, che entro fine settimana sarà depositata l’istanza di fallimento.

“Solo ieri gli incontri con eventuali acquirenti venivano letti come positivi, invece oggi la comunicazione ufficiale dell’arrivo dell’amministratore straordinario –racconta Moreno Businaro, di Femca Cisl Bergamo. Nell’incontro di mercoledì mattina il liquidatore ha infatti comunicato che i soggetti interessati si sono ritirati. Ci hanno comunicato , almeno, che giovedì verranno saldate le tredicesime mensilità. I lavoratori restano ancora in credito dello stipendio di novembre, come per quello di febbraio: entrambi saranno oggetto della discussione con il commissario e entrerà nel gran calderone del fallimento”.

Il giorno 2 marzo si terranno le assemblee con le lavoratrici e i lavoratori

leggi anche
  • Villa d'adda
    Stipendi a rischio per 50 lavoratori, alla Icar scatta lo sciopero
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it