A Villa di Serio il primo bergamasco morto per Covid, il sindaco: "L'inizio dell'incubo" - BergamoNews
Un anno dopo

A Villa di Serio il primo bergamasco morto per Covid, il sindaco: “L’inizio dell’incubo” video

Bruno Rota ripercorre quelle ore che hanno cambiato - per sempre - il futuro del suo paese e della Bergamasca intera: "A marzo 43 decessi, nel 2019 furono 5"

Fin dalle prime ore della giornata non sembrava una domenica come le altre quel 23 febbraio 2020 in Val Seriana, tanto che i sindaci della zona la mattina decisero di annullare la festa di Carnevale. Una sensazione diventata reale qualche ora più tardi, quando la provincia di Bergamo pianse il suo primo morto per Covid: Ernesto Ravelli, 83 anni, di Villa di Serio. Un anno dopo il primo cittadino Bruno Rota ripercorre quelle ore che hanno cambiato – per sempre – il futuro del suo paese e della Bergamasca intera.

“In quei giorni era già stata istituita la zona rossa di Codogno – racconta il sindaco – e le notizie che arrivavano non erano confortanti. Così la mattina mi sono sentito con i colleghi di Alzano, Nembro, Albino, Ranica e Torre Boldone, e abbiamo deciso di annullare la sfilata di Carnevale che avevamo organizzato insieme”.

Le ore corrono veloci, e dalla possibile festa in maschera nel pomeriggio si inizia a parlare di rischio contagi: “Io e tutti i sindaci bergamaschi, con le autorità, siamo stati convocati dalla Regione a Bergamo per un vertice. Ricordo che dei presenti, forse in quattro o cinque indossavano la mascherina. E diversi di noi nei giorni seguenti risultarono positivi”.

Proprio durante quella riunione, inizia a circolare la voce dei primi due positivi bergamaschi: “Si parlava una persona di Nembro e l’altra di Villa. Allora ho cominciato a informarmi, non era facile avere notizie ma ho saputo il nome del signor Ravelli. La mattina seguente, attraverso una chat di Whatsapp, ho appreso che era morto. Poi la sera ne ho avuto conferma dall’Ats”.

Ma nei giorni seguenti non ci sono tempo e modo di salutare per l’ultima volta il primo deceduto per Covid:”Nelle ore successive c’è stata una rapida evoluzione dei contagi e poi dei morti. Nemmeno ci siamo resi conto di cosa stava accadendo. Il funerale del signor Ravelli è stato celebrato solo diverse settimane dopo e in forma strettamente privata. Non conoscevo la famiglia ma so che hanno voluto vivere il lutto con riservatezza. E l’abbiamo rispettata”.

Si arriva così al 9 marzo e al lockdown in tutta Italia: “Ricordo che ogni sera l’Ats mi chiamava e mi forniva il numero di positivi del mio comune. Solo freddi numeri, purtroppo sempre alti. Era difficile avere informazioni. Dalla Regione, poi, nessuno si è mai fatto sentire”.

Settimane difficili, a Villa di Serio come in molti paesi bergamaschi: “Si sentivano solo le sirene delle ambulanze. Io ero in Comune dalla mattina alla sera, sabato e domenica compresi, per coordinare la Protezione civile e i volontari che davano aiuto a chi non poteva uscire, anziani e non. Oltre alle telefonate qui, per comunicare ai cittadini le varie novità sui Dpcm usavamo l’Alert system, una sorta di gruppo Whatsapp aperto a tutti, che avevamo istituito qualche mese prima per le emergenze. Io in particolare alla sera mandavo un messaggio audio, anche per confortare i miei concittadini”.

A inquadrare meglio di ogni altra cosa la drammaticità della situazione, però, sono i numeri: “Nel 2020 abbiamo registrato 96 persone decedute, l’anno prima 42. Più emblematico ancora è il confronto di febbraio, 8 a 4, di marzo, 43 a 5, e di aprile, 6 a 3, sempre tra l’anno scorso e il 2019. Oltre a quella sanitaria, c’è stata poi l’emergenza economica, come abbiamo visto dalle richieste di buoni spesa per Pasqua, triplicate rispetto al solito, con famiglie mai viste prima a chiedere il sussidio”.

leggi anche
  • Chi era
    Ernesto, il primo bergamasco morto per Coronavirus abitava a Villa di Serio
    via castagna villa di serio
  • Il filmato
    “Ecco Nembro oggi, un paese ferito a morte dal Covid. Ma insieme ce la faremo”
    Nembro
  • L'iniziativa
    A un anno dal primo caso Covid una stanza degli abbracci in dono per la Rsa di Alzano
    RSA Martino Zanchi alzano
  • Un anno dopo
    Lisa, la ragazza dei cimiteri: quei riti funebri assurdi e strazianti durante la pandemia
    lisa martignetti
  • Un anno dopo
    I ricordi dei sindaci: “Impreparati e confusi davanti a un dramma inimmaginabile”
    sindaci bergamaschi riunione coronavirus
  • Un anno dopo
    Remuzzi: “Uno studio ci aveva messo in guardia dal virus, nessuno lo ha preso sul serio”
    Remuzzi vaccino alzano
  • Un anno dopo
    Gori, la fatica, l’impegno e la Bergamo martoriata: “Se solo avessimo saputo”
    Giorgio Gori
  • Un anno dopo
    Il dovere di raccontare lo strazio di quei giorni senza cedere alla disperazione
    L’esercito torna a Bergamo per portare salme fuori città
  • I dati
    Covid 19, in Lombardia 2.480 nuovi casi positivi: 126 a Bergamo
    I DATI DI martedì 23 febbraio
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it