Luna Rossa trionfa per 7 a 1: sua la Prada Cup - BergamoNews
All’alba di domenica

Luna Rossa trionfa per 7 a 1: sua la Prada Cup

All’alba di domenica l’ultima vittoria, la seconda della nottata, contro i britannici di Ineos che ha assegnato all’imbarcazione uscita dai cantieri della Persico di Nembro la vittoria

È Luna Rossa la trionfatrice della Prada Cup ad Auckland, in Nuova Zelanda.

All’alba di domenica l’ultima vittoria, la seconda della nottata, contro i britannici di Ineos che ha assegnato all’imbarcazione uscita dai cantieri della Persico di Nembro la vittoria per 7-1.

Netta la superiorità dimostrata nel corso di tutte le regate per un successo che, prima di ora, era stato centrato da barche italiane soltanto due volte: nel ‘92 con il Moro di Venezia e nel 2000 con la stessa Luna Rossa.

Senza storia la prima delle due sfide di questa notte. Luna Rossa è partita un po’ in sordina ma, grazie alle scelte dei suoi leader, si è subito rimessa in carreggiata prendendo un buon margine di vantaggio sui britannici. Margine aumentato progressivamente fino al termine della sfida vinta con quasi due minuti di vantaggio su Ineos.

Più combattuta l’ottava e ultima regata del confronto Italia-Regno Unito. Almeno fino a metà gara quando gli azzurri hanno preso decisamente il comando chiudendo ancora una volta con quasi un minuto di vantaggio.

Ora Luna Rossa va all’attacco della Coppa America in programma dal 6 marzo contro i detentori di team New Zealand.

leggi anche
  • Sabato notte
    Luna Rossa a un passo dalla Prada Cup: sue sei gare su 7
  • Auckland (nuova zelanda)
    Prada Cup, Ineos vince una regata ma Luna Rossa è in vantaggio 5-1
  • Vela
    Luna Rossa: esordio vincente nella finale di Prada Cup
  • Vela
    Luna Rossa, caccia all’America’s Cup sulla barca realizzata dalla Persico di Nembro
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it