Viviana, uccisa di botte a 34 anni: al via il processo contro il compagno - BergamoNews
A bergamo

Viviana, uccisa di botte a 34 anni: al via il processo contro il compagno

Cristian Michele Locatelli, 42 anni, era presente in aula. La madre della donna si è costituita parte civile

Ha preso il via venerdì il processo nei confronti di Cristian Michele Locatelli, 42 anni, accusato di aver ucciso di botte la compagna 34enne Viviana Caglioni, morta lo scorso 8 aprile in ospedale.

La presunta aggressione a calci e pugni sarebbe avvenuta il 31 marzo in una villetta del quartiere cittadino di Valverde.

Il decesso otto giorni dopo in ospedale, dove la giovane donna era stata ricoverata con segni di violenza all’inguine, all’addome e un ematoma alla testa.

“E’ caduta in casa”, aveva detto Locatelli agli inquirenti, ma gli accertamenti con il luminol rilevarono una scia di sangue dal primo piano a quello terra. Da lì il via agli accertamenti, conclusi con l’arresto dell’uomo.

Venerdì Locatelli, accusato dal pm Paolo Mandurino di omicidio aggravato e maltrattamenti, era presente in aula insieme al suo avvocato Luca Del Bue, che ha inserito nella lista dei testimoni anche il medico legale incaricato dalla difesa di esaminare i risultati dell’autopsia sulla vittima

La mamma di Viviana, Silvana Roncoli, si è costituita parte civile. Il giudice ha ammesso le intercettazioni telefoniche e quelle ambientali raccolte tra le persone coinvolte nella vicenda.

leggi anche
  • Giornata violenza sulle donne
    Viviana, Giovanna, Giampaola: uccise dagli uomini a cui volevano bene
    Viviana, Giovanna, Giampaola: uccise dagli uomini a cui volevano bene
  • Un pioniere
    Addio all’ingegner Torre, fondatore della Minipack-Torre di Dalmine
    Generico febbraio 2021
  • Codice rosso
    Un anno di botte e minacce dal compagno: 35enne “salvata” dai carabinieri di Cisano
    Lacrime, psicologo, dramma, violenza (Foto pexels)
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it