Vaccino, il 65% degli Italiani vuol farlo appena possibile - BergamoNews
L'indagine

Vaccino, il 65% degli Italiani vuol farlo appena possibile

Presentata ricerca Agenas e Sant'Anna di Pisa

Per il 69,4% della popolazione italiana, il vaccino è il modo più rapido per tornare alla normalità, e più del 65% degli intervistati sono disposti a vaccinarsi contro il Covid-19.

Sono i dati emersi da un’indagine condotta dall’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas) e il Laboratorio Management e Sanità (MeS) dell’Istituto di Management della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa. Lo studio, presentato venerdì 19 febbraio a Roma nella sede Agenas, ha coinvolto 12.322 residenti di tutte le Regioni e Province autonome, fotografando le attitudini della popolazione italiana nei confronti del vaccino e della vaccinazione contro il Covid-19.

Secondo il rapporto, solo il 17,6% degli italiani non sembra intenzionato a vaccinarsi. La fascia di popolazione che più sembra propensa alla vaccinazione è quella sopra i 65 anni (75,4%), mentre le percentuali di disaccordo maggiori (22,2%) si concentrano nella fascia d’età 35-44.

“Sono molto soddisfatto della collaborazione con il Laboratorio Management e Sanità (MeS) della Scuola Superiore Sant’Anna – dichiara Domenico Mantoan, direttore generale di Agenas – perché il lavoro che abbiamo presentato oggi permette di segnalare alcune linee di azione che i policy maker nazionali e regionali potrebbero trovare utili per colmare il divario di implementazione della campagna vaccinale”.

Agenas, ha ricordato Mantoan, “è un ente pubblico non economico e si configura come organo tecnico-scientifico del Servizio Sanitario Nazionale, che svolge attività di ricerca e di supporto nei confronti del ministro della salute, delle Regioni e delle Province Autonome di Trento e Bolzano. Questo lavoro ne è la dimostrazione”.

“La popolazione è propensa a vaccinarsi ma chiede di più, soprattutto più informazione – ha spiegato all’agenzia di stampa Dire Sabina Nuti, rettrice della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa -. La stragrande maggioranza ha ricevuto informazioni dalla televisione, seguono internet e i social. Grandi assenti le istituzioni sanitarie. La richiesta è di avere molta più informazione da questi soggetti di cui i cittadini si fidano: istituzioni sanitarie, i medici, i professionisti. Per aumentare la propensione a vaccinarsi una serie di aspetti di tipo organizzativo-logistico saranno determinati. Come ad esempio la facilità di accesso ai luoghi di vaccinazione, la chiarezza nelle modalità di prenotazione e nella velocità di svolgimento della vaccinazione”.

Rettrice Sant’Anna: Italiani pronti, ma serve più informazione

“La stragrande maggioranza dei cittadini italiani è pronta a vaccinarsi. Andando a ricostruire i cluster, il 70% è propenso alla vaccinazione, mentre un 20% è ancora indeciso. Solo una fascia residuale è totalmente contraria o dubbiosa”. Sabina Nuti, rettrice della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, commenta così all’agenzia di stampa Dire i risultati di un’indagine condotta dall’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas) e il Laboratorio Management e Sanità (MeS) dell’Istituto di Management della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa. I risultati sono stati presentati questa mattina a Roma nella sede di Agenas.

“La popolazione è propensa a vaccinarsi ma chiede di più. Chiede soprattutto più informazione. La stragrande maggioranza ha ricevuto informazioni dalla televisione, seguono internet e i social. Grandi assenti le istituzioni sanitarie. La richiesta è di avere molta più informazione da questi soggetti di cui i cittadini si fidano: istituzioni sanitarie, i medici, i professionisti. Emerge una variabilità regionale. Anche se non particolarmente significativa. Per aumentare la propensione a vaccinarsi una serie di aspetti di tipo organizzativo-logistico saranno determinati. Come ad esempio la facilità di accesso ai luoghi di vaccinazione, la chiarezza nelle modalità di prenotazione e nella velocità di svolgimento della vaccinazione”.

Mantoan (Agenas): un’indagine per valutare adesione italiani

“Abbiamo ritenuto necessario applicare questo metodo scientifico nella valutazione della propensione della popolazione a vaccinarsi. Questa indagine serve anche a capire quali sono i correttivi e le innovazioni che il decisore politico regionale che è deputato all’organizzazione della campagna vaccinale può attivare per migliorare l’adesione della campagna vaccinale”. Domenico Mantoan, direttore generale Agenas, presenta così la ricerca a cura del laboratorio Management e Sanità della Scuola Superiore Sant’Anna e dall’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali, presentata questa mattina a Roma nella sede Agenas e trasmessa in streaming.
“Credo che siamo la prima esperienza della comunità europea di uno Stato che ha un approccio scientifico per valutare l’adesione, i comportamenti e i metodi per migliorare la campagna vaccinale Agenas e Sant’ Anna di Pisa lavoreranno nei prossimi anni su molti altri temi”.

Notizia dell‘Agenzia Dire. 

leggi anche
  • Le storie
    Ernesta e Francesco, in coppia a Seriate per il vaccino anti-Covid: “Ora inizia un’altra vita”
  • Fotonotizia
    Suor Anita, 101 anni, a Seriate per il vaccino
  • In lombardia
    Vaccino Covid, in 24 ore 250.845 adesioni: “I nostri nonni, esempio di responsabilità”
  • Lunedì 15 febbraio
    Bergamo, da oggi alle 13 gli over 80 possono prenotare il vaccino in farmacia
  • In lombardia
    Vaccino anti-Covid, numero verde per gli over 80: sabato già 28mila chiamate
  • Il vademecum
    Radioterapia e vaccino Covid: cosa devono sapere i pazienti oncologici
  • L'incontro
    Sindacato pensionati ad Ats: “Poca attenzione per gli anziani”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it