Giornata nazionale dei Professionisti Sanitari nel ricordo di quelli scomparsi per Covid - BergamoNews
I dati

Giornata nazionale dei Professionisti Sanitari nel ricordo di quelli scomparsi per Covid

I dati disegnano un quadro desolante: 81 decessi ufficiali tra gli infermieri dall’inizio della pandemia

All’inizio di ogni turno di lavoro sarà osservato un minuto di silenzio per ricordare gli infermieri che hanno perso la vita a causa del Covid. È questa l’iniziativa in programma oggi, sabato (20 febbraio) in occasione della “Giornata nazionale dei professionisti sanitari, sociosanitari, socioassistenziali e del volontariato”, istituita per il 20 febbraio, con la legge numero 155/2020.

L’evento si celebra per la prima volta proprio nel 2021, l’Anno internazionale degli operatori sanitari e assistenziali, proclamato dagli Stati membri della 73esima Assemblea mondiale della sanità.

La richiesta di osservare un minuto di silenzio per ricordare i colleghi vittime del Covid, arriva dalla Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche ed è rivolta a tutti gli iscritti.

I dati disegnano un quadro desolante: 81 decessi ufficiali tra gli infermieri dall’inizio della pandemia. 7129 operatori sanitari contagiati negli ultimi 30 giorni, di cui oltre 5mila (84,4% sono i dati INAIL relativi agli infermieri che si contagiano rispetto al resto del comparto sanitario) sono certamente professionisti di una categoria che ancora oggi viene martoriata quotidianamente.

leggi anche
  • Un pioniere
    Addio all’ingegner Torre, fondatore della Minipack-Torre di Dalmine
    Generico febbraio 2021
  • Bergamo
    Mengoni da Piazza Vecchia canta ad un anno dallo scoppio della pandemia
    Mengoni piazza vecchia
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it