BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Lo stop alla discarica di amianto a Treviglio e non solo: chi sono gli eco-avvocati

Pioniera del gruppo bergamasco è stata l'avvocatessa Paola Brambilla: "La nostra provincia è piuttosto inquinata, per fortuna abbiamo le montagne"

Più informazioni su

La battaglia più importante che hanno intrapreso, e vinto, nella nostra provincia, è quella relativa alla discussa discarica di amianto a Treviglio bloccata dal Consiglio di Stato. Compie dieci anni anche la sezione bergamasca dei cosiddetti eco-avvocati, professionisti della giurisprudenza italiana specializzati nelle tematiche di diritto ambientale, che possono risolvere situazioni difficili in merito a sanzioni, avvio di progetti fotovoltaici ed eolici, o iniziative contro l’inquinamento e gli Ogm.

Pioniera del gruppo orobico è l’avvocatessa Paola Brambilla Pievani, tra le prime nella nostra provincia a specializzarsi in questo settore: “Dopo il Testo Unico Ambiente del 2006 con norme di disciplina ambientale – spiega il legale – si inizia a parlare di eco-avvocati nel settembre 2010. Nei primi mesi del 2011 ecco i primi colleghi che si formano nella materia. Anche io, che avevo iniziato a occuparmi di ambiente nel 1997, ho cominciato a utilizzare l’etichetta di eco-avvocato in quel periodo”.

Paola Brambilla

“Prima che un gruppo di avvocati – prosegue – , si tratta di un movimento con una forte determinazione nell’affrontare sfide che riguardano territorio, urbanistica, consumo del suolo, così come di aria e di acqua. C’è poi il capitolo rifiuti e discariche abusive, quello dei comitati contro le centraline idroelettriche di alta montagna e la tutela di parchi, pozzi e sorgenti”.

Non bastavano gli avvocati “comuni”?

No, nell’ottica della vera sostenibilità occorrono competenze legali precise. Fino a una decina di anni fa questi casi erano seguiti da ingegneri, architetti e geologi o naturalisti. Dal 2011 si è presa consapevolezza che senza sapere cosa dicono le norme e individuare i percorsi da seguire non si possono vincere certe battaglie. O almeno è più difficile.

Quanti siete a Bergamo?

Siamo una decina. Forse ancora pochi, questo anche perchè non è una branca molto remunerativa. Quando ti rapporti con enti o associazioni, magari composte da volontari, le parcelle non possono essere elevate. Oltre all’attività legale poi c’è quella della formazione, nelle scuole o attraverso corsi on line rivolti ai cittadini.

Qual è il caso più interessante che avete seguito in Bergamasca?

Quello della discarica di amianto a Treviglio, con il Consiglio di Stato che ne ha stoppato la costruzione in un’area verde, quella della Geromina. Siamo riusciti a evidenziare aspetti naturalistici su cui le amministrazioni avevano sorvolato in fase di progettazione. Fondamentale per noi è stato il supporto dei cittadini, qui come in altri casi, che conoscono meglio di chiunque il proprio territorio.

Per il resto, com’è la situazione a livello ambientale nella nostra provincia?

Risente di un bacino padano inquinato. Per fortuna abbiamo le montagne, dove lo smog ancora non è arrivato. Poi c’è il problema del consumo di suolo, in particolare in pianura dove stanno spuntando numerosi poli logistici. E una fauna in declino.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.