Quantcast
"Elezioni provinciali sotto silenzio, necessario lottare per l'ambiente" - BergamoNews
Bergamo

“Elezioni provinciali sotto silenzio, necessario lottare per l’ambiente”

La lettera di alcuni consiglieri comunali della Bergamasca e di ex consiglieri provinciali in vista delle prossime elezioni in Provincia

Il 28 marzo 2021 si terranno le elezioni del Consiglio Provinciale di Bergamo, dopo il rinvio del 13 dicembre causa Covid.

Con la scadenza del mandato biennale del consiglio (eletto nel 2018), è ora tempo di una nuova elezione. Lo stesso vale per il presidente uscente Gianfranco Gafforelli, il cui mandato dovrebbe durare ancora altri due anni, ma la sua impossibilità a candidarsi ancora sindaco di Calcinate (dove sta concludendo il secondo mandato consecutivo) fa automaticamente decadere la sua carica da presidente.

Si torna alle urne, quindi, ma dopo la riforma Del Rio del 2014 non saranno più i cittadini ad eleggere i consiglieri provinciali, ma gli amministratori dei comuni. Il consiglio, infatti, sarà formato da sedici consiglieri eletti da tutti i componenti di ogni consiglio comunale dei Comuni bergamaschi, con “voto ponderato” a seconda della popolazione del proprio Comune.

“Si tratta di un ulteriore tassello dell’attacco alla democrazia portato avanti in questi ultimi decenni”, commentano i consiglieri comunali Tiziano Belotti e Pier Giuseppe Belotti di Gandosso, Marco Sironi (Seriate) e gli ex consiglieri provinciali  Vittorio Armanni e Paolo D’Amico in una lettera aperta a loro firma.

“Queste elezioni si terranno nell’indifferenza generale con il rischio che anche molti degli stessi consiglieri e sindaci non si rechino alle urne. Detto ciò, come consiglieri di liste civiche progressiste del nostro territorio, riteniamo importante questa scadenza elettorale anche per le competenze che la provincia ha ancora in diversi campi. Prima la crisi del 2007 e poi la pandemia che stiamo vivendo hanno messo profondamente in crisi il modello produttivo e di sviluppo della nostra provincia tutto basato su un consumo enorme del territorio, su un tessuto produttivo incapace di rinnovarsi e che trae profitto specialmente dalla riduzione del costo del lavoro, su una mobilità centrata sull’auto e sullo sviluppo aeroportuale”, si legge nel documento.

Obiettivo della lettera aperta è quello di aprire un dibattito su delle elezioni che rischiano di passare nel silenzio, puntando l’attenzione su alcuni punti programmatici centrali secondo i consiglieri: da una mobilità più morbida e sostenibile ad un’attenzione particolare alla manutenzione degli edifici scolastici, fino alla realizzazione di una Bergamo (intesa come provincia) inclusiva di tutte le realtà sociali e rispettosa dell’ambiente.

“Le ultime proposte di realizzazione di una nuova ed inutile autostrada che collegherà, per soli 18 km., Bergamo a Treviglio e la non volontà di ridimensionare i voli su Orio dimostrano come la classe dirigente locale sia incapace di cambiare rotta e di staccarsi da un’idea di guadagno immediato e rapace. Quello bergamasco è un modello di sviluppo energivoro e inquinante che cerca di estrarre valore, profitto da ogni cosa”, commentano.

“Occorre una svolta, occorre pensare ad un altro modello di sviluppo rispettoso dell’ambiente, ad un’altra provincia ecocomapatible e solidale. Come può essere realizzabile? Evitando nuovi consumi di suolo e tutelando le aree agricole esistenti”, continua il testo.

Non risulta opportuna, quindi, in quest’ottica, la realizzazione di una nuova autostrada di collegamento tra Bergamo e Treviglio. Ed è necessario mettere al centro di una linea politica programmatica l’incentivazione dei trasporti pubblici e su ferro.

“Proponiamo di farsi promotori, con gli enti e le società interessate, del collegamento metropolitano Ponte San Pietro- Montello, del prolungamento fino a Vertova della tranvia della Valle Seriana e dell’attivazione di quella della Valle Brembana.  Da riqualificare profondamente la linea ferroviaria da e per Milano, come da tempo richiesto dal Comitato Pendolari. Siamo favorevoli al treno per Orio che toglierebbe auto dalle strade, ma sosteniamo fortemente la necessità di ridurre i voli su Orio”, concludono i firmatari affermando anche che sosterranno alle elezioni del Consiglio coloro che avranno nel loro programma le proposte e le sensibilità riportate in questa lettera.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
operaio pmi
Camera di commercio
La provincia di Bergamo in dieci anni ha perso oltre tremila imprese: analisi e grafici
vaccino agli anziani delle rsa
Per l'assistenza
Prenotazione Covid ultra-80enni: i pensionati Cisl aprono le sedi provinciali
rifiuti tangenziale sud
La proposta
Rifiuti sulle strade provinciali, la Lega: “Foto-trappole per beccare i responsabili”
Proclamazione del Presidente della Provincia di Bergamo
Il caso
Elezioni provinciali: nuovo ricorso al Tar contro la Lista Gafforelli
vigneto
Coldiretti bergamo
Vigneti, via alle domande per l’aumento delle superfici vitate
Giovanni Cappelluzzo provincia
L'ex presidente
“Elezioni provinciali: torniamo a far votare i cittadini”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI