Spaccio in Valseriana, arrestati pusher 30enni: in auto cocaina e 18mila euro - BergamoNews
A torre boldone

Spaccio in Valseriana, arrestati pusher 30enni: in auto cocaina e 18mila euro

Sequestrato oltre un chilo di droga dai carabinieri di Clusone

Il loro business era diventato lo spaccio di droga nella bassa Valle Seriana. I Carabinieri della Compagnia di Clusone li hanno arrestati martedì 16 febbraio, a Torre Boldone: in manette sono finiti due ragazzi di 30 e 31 anni, originari del Marocco, residenti in provincia di Bergamo ed entrambi disoccupati.

Durante l’accertamento, i due, fermati a bordo di una Bmw, si mostravano particolarmente agitati. Il passeggero scendeva velocemente dal mezzo tentando una breve fuga a piedi, mentre il conducente tentava di sottrarsi al controllo ingranando la retromarcia rimanendo, venendo bloccato dall’altra auto dei carabinieri impegnata nel posto di blocco.

L’immediata perquisizione personale e veicolare consentiva di rinvenire occultato sotto il sedile
del passeggero, in un involucro di plastica, avvolto nella carta stagnola, un panetto contenente 516 grammi di cocaina, mentre in un vano ricavato davanti alla leva del cambio, circa
18 mila euro in banconote di vario taglio. Successiva perquisizione domiciliare consentiva di rinvenire oltre 600 grammi di hashish suddivisi in tre panetti dal vario peso.

Gli arrestati al termine delle operazioni previste sono stati posti presso il proprio domicilio in
attesa del rito direttissimo, svoltosi nel pomeriggio del 17 febbraio al termine del quale è stato
convalidato l’arresto con la misura della detenzione domiciliare per entrambi i soggetti.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it