Quantcast
Relazioni genitori-figli, aprono i Centri Famiglia Valle Imagna - BergamoNews
Le iniziative

Relazioni genitori-figli, aprono i Centri Famiglia Valle Imagna

Le strutture, situate ad Almenno San Salvatore e a Corna Imagna, sono gestite rispettivamente dalla Fondazione Asilo Pozzi e dalla cooperativa sociale Aeper

Si chiamano Il Gelso e il Carpino, due alberi che rappresentano i paesi in cui si situano in Alta e Bassa Valle Imagna, sono due Centri Famiglia, nati grazie al progetto Crescere insieme in valle*, che si occupa di povertà educative. Proprio il concetto di povertà educative che è così radicalmente evoluto durante quest’ultimo anno, poiché la pandemia, gli isolamenti, le chiusure, la didattica a distanza, la sospensione di molti servizi hanno fatto emergere un bisogno amplificato di cura e di accompagnamento e una parallela necessità di trovare modalità creative e sicure di interazione.

In questa cornice nascono due Centri Famiglia ad Almenno San Salvatore e a Corna Imagna, gestiti rispettivamente dalla Fondazione Asilo Pozzi e dalla cooperativa sociale Aeper; si concentreranno sulle relazioni genitori-figli/e, sulla crescita delle competenze parentali, sull’acquisizione di informazioni e di abilità per neomamme e neopapà, sullo sviluppo delle prime autonomie per piccolissimi/e, sulla formazione.

I Centri Famiglia, si prefiggono di essere spazi abitati dalle famiglie con bambini e bambine dagli 0 ai 6 anni. Prendersi cura delle famiglie con i bambini/e di questa fascia d’etа significa mettere al centro i temi delle relazioni tra piccoli, tra adulti e tra adulti e bambini e mettere in circolo le competenze genitoriali per creare uno spazio di parola e confronto attorno ai temi della neo-genitorialità.

Il primo ad aprire è stato il Centro Famiglia Il Gelso, gestito dalla Fondazione Asilo Pozzi, grazie al sostegno del Comune di Almenno San Salvatore e la prima attività sarà lo ‘Spazio autonomia’, attivo da gennaio. Segue Il Centro Famiglia Il Carpino che apre le sue porte a partire da martedì 23 febbraio.

Gli Spazi Autonomia nascono dall’impossibilità di apertura degli spazi gioco per via delle restrizioni connesse alla prevenzione della diffusione della pandemia: sarebbe infatti impossibile accogliere in un unico spazio bambini/e e genitori contemporaneamente. Si è quindi pensato di realizzare un’opportunità per bambini/e dai 24 ai 36 mesi che possono sperimentarsi da soli in attività ludiche, espressive, creative gestite da educatrici professionali. È già attivo da circa un anno invece lo Spazio Neomamme Valle Imagna, gestito dalla Fondazione Angelo Custode. All’interno della progettualità è attiva sul territorio la figura ostetrica a domicilio a disposizione delle neomamme e dei neopapà dopo il parto.

È garantito uno spazio di confronto e formazione con diverse figure professionali (ostetrica, educatrice e psicologa) che mette al centro tematiche legate ai primissimi mesi di vita con il proprio bimbo: il contatto, il sonno, la relazione, il gioco e i materiali, lo svezzamento.

In questi mesi, con le famiglie abbiamo provato ad incontrarci in modalità differenti: abbiamo accolto le famiglie da remoto, all’interno del Parco delle Terme, negli spazi dell’oratorio di Mazzoleni, nell’attesa di ritrovarci al Centro Famiglia di prossima apertura.

 

 

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
leggi anche
Piano Didattico Personalizzato: l’importanza della rete scuola-famiglia
Le indicazioni
Piano Didattico Personalizzato: l’importanza della rete scuola-famiglia
Vaccino anti Covid, al Papa Giovanni tocca a medici di famiglia e pediatri
Bergamo
Vaccino anti Covid, al Papa Giovanni tocca a medici di famiglia e pediatri
Centro servizi IML
La novità
Centro servizi a supporto dei medici di base: “Li aiutiamo a monitorare i pazienti Covid”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI