Quantcast
Ernesta e Francesco, in coppia a Seriate per il vaccino anti-Covid: "Ora inizia un'altra vita" - BergamoNews
Le storie

Ernesta e Francesco, in coppia a Seriate per il vaccino anti-Covid: “Ora inizia un’altra vita” fotogallery

In coda per la prima dose molti over 80 che da un anno fanno i conti con tante privazioni: "Porterò una gallina agli infermieri per ringraziarli"

Attendevano questo giorno da quasi un anno, da quando il Covid li ha costretti a una vita di quotidiane privazioni. In coda per la prima dose del vaccino all’ospedale Bolognini di Seriate, giovedì 18 febbraio, nella giornata del via alle somministrazioni per gli anziani sopra gli 80 anni, ci sono anche diverse coppie che da quando è scoppiata la pandemia per precauzione hanno limitato al minimo qualsiasi uscita di casa, da quelle per fare la spesa a quelle per una passeggiata in paese.

Come Ernesta Campana e Francesco Todde, 82 e 89 anni, sposati da una sessantina e felici nella loro casa di Montello. Dove hanno trascorso gran parte degli ultimi dodici mesi: “I nostri figli ci hanno consigliato di rimanere lì per evitare di uscire e prendere il virus – racconta la coppia, visibilmente emozionata prima dell’iniezione che li farà tornare un po’ più alla normalità – . Sono cinque, per la spesa e le necessità domestiche ci hanno sempre aiutato loro. Anche per la prenotazione si internet ci hanno dato una mano,  avendo noi poca dimestichezza col computer”.

Nessun timore per l’iniezione, ma solo un piccolo pensiero per la donna e per il suo diabete: “È un po’ alto il mio – spiega la signora Ernesta – ma non credo ci siano problemi. Chiedo al medico quando entro. Comunque non abbiamo affatto paura e non vediamo l’ora di farlo per tornare a vivere un po’ più come prima”.

vaccino seriate

Carla Pansieri e Mario Benigni, 80 e 81 anni, escono sorridenti dal centro, pronti per tornare a Pedrengo: “L’abbiamo fatto – raccontano – e siamo felici. Ora finalmente abbiamo le spalle coperte contro questo maledetto virus che ci ha portato via anche un paio di conoscenti. Noi abbiamo cercato di avere meno contatti possibili”.

“Non siamo più andati nemmeno nella casa di Solto Collina – prosegue il signor Mario – dove ho un appezzamento con un centinaio di piante di olive. Ho promesso agli infermieri che quando torneremo per la seconda dose, porterò loro una gallina delle mie come regalo”.

vaccino seriate

La prima a essere vaccinata a Seriate è stata suor Anita Gervasoni, 101 anni fra due giorni, madre delle Canossiane di Bergamo, che ha detto di non aver paura del Covid.

In mattinata è arrivato anche il commissario per la campagna vaccinale della Lombardia Guido Bertolaso, che ha incontrato medici e infermieri motivandoli a rispettare i tempi programmati.

Nello stesso giorno le vaccinazioni agli over 80 sono iniziate anche all’ospedale Fenaroli di Alzano Lombardo e al Locatelli di Piario, come quello seriatese gestiti dall’Asst Bg Est.

leggi anche
Vaccinazioni San Giovanni
La campagna
Vaccinazioni al via anche a San Giovanni Bianco, in 90 hanno ricevuto lo Pfizer
moratti
Lombardia
Letizia Moratti cambia il direttore generale al Welfare della Regione
Città Coronavirus
Coronavirus
La Lombardia in bilico: settimana prossima sarà zona gialla o arancione?
Dati regione
I dati di giovedì 18 febbraio
Covid: in Lombardia oltre 42mila tamponi e 2.540 positivi, 238 a Bergamo
Adriana Alborghetti
A seriate
Alborghetti, responsabile vaccini dell’Asst Bg est: “Speriamo di finire entro l’autunno”
Generico febbraio 2021
L'appello
Tumori e Covid, i pazienti al Governo: “Abbiamo un’emergenza oncologica”
vaccino agli anziani delle rsa
L'indagine
Vaccino, il 65% degli Italiani vuol farlo appena possibile
vaccino agli anziani delle rsa
L'incontro
Sindacato pensionati ad Ats: “Poca attenzione per gli anziani”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it