Cene piange la piccola Lia: scomparsa a 3 anni dopo la lotta alla malattia rara - BergamoNews
Il lutto

Cene piange la piccola Lia: scomparsa a 3 anni dopo la lotta alla malattia rara

Era affetta da Tay Sachs: sabato nella chiesa parrocchiale di Vertova l'ultimo saluto.

Ha lottato per tutti i tre anni della sua vita Lia Paganessi, la piccola di Cene affetta da Tay Sachs infantile: in queste ore Cene e tutta la Val Seriana sono in lutto per la sua scomparsa e si stanno stringendo attorno a mamma Sara e papà Massimo.

“Ti amiamo Gigetta…in un altro tempo e in un altro spazio – scrivono sulla pagina Facebook Il Diario di Lia, dove giorno dopo giorno hanno aggiornato i suoi progressi o i momenti bui – Lontano da tutto e da tutti. Ti amiamo dove hai deciso tu di abitare…Ti amiamo come hai voluto tu…con le regole che hai dettato tu…Ci hai insegnato ad amarti nel modo giusto…ci hai insegnato ad amarti in eterno…Ora sei libera…libera da tutti i tubi e tutti i cavi…Libera da quell’aspiratore tanto odiato…libera di sorridere…correre e giocare nella terra delle anime…e quando ti correremo incontro mi raccomando…abbracciaci con le tue splendide ali dai colori dell’arcobaleno…A presto Gigetta d’amore…Mamma, papà e Chiara”.

Un’infinità i messaggi di cordoglio, da parte di una comunità che è sempre stata vicina alla famiglia.

Lia aveva compiuto 3 anni il 2 gennaio.

L’ultimo saluto è in programma sabato 20 febbraio alle 15 nella chiesa parrocchiale di Vertova, con le esequie che verranno celebrate secondo le disposizioni anti-Covid.

Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it