Quantcast
Ak Hub: a Oriocenter apre l'incubatore d'impresa dedicato a tecnologia e digitale - BergamoNews
La novità

Ak Hub: a Oriocenter apre l’incubatore d’impresa dedicato a tecnologia e digitale

Creato da Ak Informatica insieme al Comune di Azzano San Paolo, Settore servizi sociali, politiche Giovanili e del lavoro: nel nuovo spazio ci saranno anche postazioni di coworking.

È partito ufficialmente mercoledì 17 febbraio, con la simbolica consegna delle chiavi da parte dell’amministrazione comunale, “Ak Hub”, l’incubatore d’impresa creato da Ak Informatica, azienda di spicco nel settore informatico, tecnologico, dell’Esports e dell’intrattenimento, insieme al Comune di Azzano San Paolo, Settore servizi sociali, politiche Giovanili e del lavoro.

Il progetto, che ha l’obiettivo di sviluppare e sostenere le attività economiche, produttive, anche innovative, con la valorizzazione della cultura del lavoro e dell’imprenditorialità, si inserisce nel quadro degli obiettivi previsti dall’accordo di programma del “Polo della cultura e del lusso” tra Comune di Azzano San Paolo, Gruppo Percassi – Finser Spa, Regione Lombardia e Provincia di Bergamo.

Scopo principale di Ak Hub è quello di fare rete attraverso il network delle imprese nell’orbita di Ak Informatica, concentrando le loro esperienze e conoscenze a favore delle start-up, trasformando in strumenti validi, concreti ed essenziali i mesi di incubazione trascorsi all’interno dell’hub, in modo da rendere le future giovani aziende valide e competitive una volta pronte a confrontarsi con il mercato di competenza.

Vista la vicinanza del gruppo Ak alla tecnologia, la mission dell’incubatore è proprio l’innovazione del mondo del lavoro, sia delle professioni tradizionali, sia delle più moderne start-up, con un’attenzione particolare a tutte quelle attività che ruotano attorno alla tecnologia, allo sviluppo digitale e all’industria dell’intrattenimento virtuale, Esports compreso.

In un’ambiente di oltre 300 metri quadrati, all’interno dell’area direzionale del centro commerciale Oriocenter, e con una panoramica vetrata che affaccia sull’aeroporto e su città alta, Ak Hub comprende uno spazio con postazioni di lavoro, sale riunioni ed una serie di servizi ad alta tecnologia come stampanti 3D, server, PC, lavagne interattive.

Ak Hub
Il sindaco di Azzano Lucio De Luca con Alessio Cicolari

Il progetto prevede una forte collaborazione con aziende e professionisti del territorio, con specifico riferimento alle sinergie con “Cervi e basta”, commercialisti specializzati nella creazione e sviluppo di business, con gli avvocati di “Crofitek” società di consulenza informatico-giuridica verso aziende che investono nelle nuove tecnologie (Esport, IoT, smart contracts, ecc). Faranno inoltre parte del progetto anche Extramobili, azienda bergamasca che svilupperà degli arredi modulari per garantire la massima efficienza e sicurezza nell’area di coworking; Tom’s Hardware, testata giornalistica online leader nell’informazione tecnologica, che sta studiando per Ak Hub contenuti digitali esclusivi.

Ma “cuore pulsante” del progetto saranno, oltre i servizi di assistenza allo sviluppo dell’idea di impresa, soprattutto la notevole infrastruttura tecnica e tecnologica, messa a disposizione delle start-up, grazie al coinvolgimento di una serie di partner di altissimo livello tra cui i più noti produttori hardware e software del panorama informatico che, tramite Ak, supporteranno lo sviluppo tecnologico delle aziende incubate.

Oltre all’incubatore, Ak Hub include delle postazioni per il coworking e organizzerà seminari, workshop e incontri con esponenti del mondo del lavoro e delle università, con uno specifico focus sul mondo digitale.

Tutte le informazioni per conoscere i requisiti necessarie per accedere alla selezione dei soggetti che verranno “incubati” o comunque parteciperanno al progetto, saranno reperibili a breve su akhub.it così come la data di inaugurazione degli spazi e delle attività.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it