BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Confai Bergamo

Informazione Pubblicitaria

Green economy e agricoltura, Confai: “Ecco le sfide che attendono il nuovo governo”

Bolis: “Espansione dell’economia verde, sostegno all’agricoltura 4.0 e investimenti per una sempre maggiore integrazione delle filiere sono tra le priorità più urgenti per il settore primario”

“Espansione dell’economia verde, un sostegno convinto all’agricoltura 4.0 e investimenti per una sempre maggiore integrazione delle filiere sono alcune delle priorità che la nostra organizzazione considera essenziali come parte del prossimo programma di governo per il settore primario”: così si è espresso Leonardo Bolis, presidente di Confai Bergamo e Confai Lombardia, formulando i migliori auspici di buon lavoro al neo ministro delle Politiche Agricole Stefano Patuanelli.

Confai

“Ogni investimento da realizzare in agricoltura dovrà risultare perfettamente allineato ai parametri di sostenibilità ambientale richiesti dai mercati e dalle istituzioni, a partire da quelle comunitarie. In questa azione corale verso l’espansione dell’economia verde, che rappresenta uno degli assi portanti del Recovery Plan,ci aspettiamo che il comparto agricolo e agromeccanico possano avere un giusto ruolo di rilievo”, ha aggiunto Bolis.

A tale proposito sarà fondamentale sostenere senza indugi l’affermazione della cosiddetta agricoltura 4.0, vale a dire – spiega il direttore di Confai Bergamo, Enzo Cattaneo – “un’agricoltura costantemente orientata all’innovazione e alla digitalizzazione dei processi,  promossa da manager e operatori agricoli dotati di una rilevante preparazione tecnologica e organizzativa nell’esercizio di un’attività moderna e sostenibile”.

Tra le priorità indicate dall’associazione rientra infine la ricerca di una sempre maggiore integrazione delle filiere, secondo una logica in grado di superare l’ancora eccessiva frammentazione del tessuto imprenditoriale agricolo. In questa prospettiva, sottolinea Confai, sarà indispensabile aprire l’accesso ai fondi europei alle imprese agromeccaniche, da sempre disposte a dare il proprio contributo a strategie basate sulla razionalizzazione dei costi e sul potenziamento dei processi gestionali.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.