Le Valli bergamasche scrivono a Draghi: "Nei ristori priorità alla montagna" - BergamoNews
La lettera

Le Valli bergamasche scrivono a Draghi: “Nei ristori priorità alla montagna”

"Le categorie del settore sono già state fortemente penalizzate sia nei contenuti che nei tempi, in cui vengono deliberati e comunicati questi provvedimenti, che sono palesemente incompatibili con i canoni di buona gestione".

Una lettera congiunta firmata da Giampietro Calegari, Pietro Orrù e Jonathan Lobati, presidenti rispettivamente delle Comunità Montane Valle Seriana, Valle di Scalve e Valle Brembana per chiedere al presidente del Consiglio Mario Draghi e al Ministro dell’Economia Daniele Franco di riservare particolare attenzione e priorità assoluta per le categorie del settore della montagna.

La richiesta, inoltrata nella mattinata di martedì 16 febbraio, parte dall’improvviso dietrofront di domenica sera del Ministro della Salute Roberto Speranza, che con un provvedimento urgente emanato a poche ore dalla riapertura degli impianti prevista per lunedì 15 ha vietato lo svolgimento delle attività sciistiche amatoriali fino al 5 marzo.

“Considerato che tutte le aziende del settore si erano preparate alla riapertura, attesa da mesi e annunciata da diverse settimane, con acquisti, assunzione di personale, preparazione delle piste e i rifugi pronti ad accogliere gli sciatori – scrivono -; rilevato che questa ulteriore proroga dell’ultimo secondo, dà un ulteriore colpo gravissimo a un settore che stava faticosamente riavviando la propria macchina organizzativa chiudendo nella pratica con un nulla di fatto la stagione invernale 2020/2021, che effettivamente non ha mai potuto iniziare e considerato che la montagna, finora dimenticata, merita rispetto e attenzione, perché lo sci non è solo uno sport o un gioco, ma un’azienda turistica importante di tutto il territorio nazionale, con la presente, si chiede, all’interno dei provvedimenti ristori, particolare attenzione e priorità assoluta per le categorie del settore della montagna, già fortemente penalizzate sia nei contenuti che nei tempi, in cui vengono deliberati e comunicati questi provvedimenti, che sono palesemente incompatibili con i canoni di buona gestione”.

leggi anche
  • Regione lombardia
    Impianti sciistici chiusi, Fontana: “Governo riveda il sistema classificazioni”
  • Le reazioni
    Impianti sciistici chiusi, politica in rivolta: “Follia decidere all’ultimo minuto”
  • Lotta al covid-19
    Sci, il ministro Speranza: no all’apertura degli impianti fino al 5 marzo
  • Lo sfogo
    “Impianti chiusi e rifugi pieni: allora più logico un ritorno in zona arancione”
  • Nelle stazioni orobiche
    Impianti chiusi, gestori infuriati: “Non c’è rispetto. Che arrivino i ristori”
  • Bergamo
    Humanitas debutta in centro città con un nuovo poliambulatorio
  • Il discorso completo
    Mario Draghi al Senato: “Il governo non poggia su alchimie politiche, ma sul desiderio di rinascere”
  • La protesta
    “La montagna merita rispetto”: gli operatori bergamaschi alzano la voce
  • Lo sguardo di beppe
    La forza dei partiti condizionerà le scelte del Governo Draghi?
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it