Aeroporto di Orio, solo a gennaio 900mila euro non dichiarati dai passeggeri - BergamoNews
I controlli

Aeroporto di Orio, solo a gennaio 900mila euro non dichiarati dai passeggeri

I trasgressori, diretti prevalentemente in Nord Africa, si sono avvalsi dell’istituto dell’oblazione, attraverso il pagamento immediato di una percentuale della somma eccedente

I funzionari dell’Agenzia Dogane e Monopoli di Orio al Serio unitamente ai militari della locale Guardia di Finanza, nell’ambito dei controlli valutari sui passeggeri in partenza dall’Aeroporto il Caravaggio, hanno accertato oltre 80 violazioni valutarie inerenti al trasporto di contanti eccedenti il limite dei 10.000 euro, per i quali la normativa stabilisce l’obbligo di presentare la dichiarazione.

L’attività di controllo espletata ha permesso di scoprire più di 900.000 euro di valuta non dichiarata, in banconote di diverso taglio generalmente occultate dai passeggeri, per una somma complessiva eccedente il limite consentito pari a circa 124.000 euro.

I trasgressori, diretti prevalentemente in Nord Africa, si sono avvalsi dell’istituto dell’oblazione, attraverso il pagamento immediato di una percentuale della somma eccedente.

Prosegue l’impegno di ADM in ambito aeroportuale, per monitorare le movimentazioni di denaro contante, in entrata e uscita dall’Italia, ed intercettare i flussi eccedenti i limiti consentiti nonostante la diminuzione del traffico aereo e conseguente calo dei passeggeri.

Più informazioni
leggi anche
  • Voli
    Anche EasyJet sbarca all’aeroporto di Orio al Serio
  • Il documento
    Aeroporto, i sindaci del Tavolo unanimi: “La leadership resti pubblica e vicina al territorio”
  • La novità
    Manutenzione degli aerei, a Orio anche un laboratorio per riparare le fusoliere
  • Il rapporto
    Crisi del trasporto aereo, “Anche Bergamo rischia lo tsunami”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it