Arte e geopoetica: incontri online attorno al "Ricordo di un dolore" di Pellizza - BergamoNews
Gamec

Arte e geopoetica: incontri online attorno al “Ricordo di un dolore” di Pellizza

Si terranno martedì 16 e giovedì 25 febbraio e vengono proposti in occasione della riapertura della mostra Ti Bergamo "Una Comunità"

In occasione della riapertura della mostra Ti Bergamo – Una Comunità, la GAMeC promuove due incontri online legati al massiccio della Presolana e al dipinto Ricordo di un dolore di Pellizza da Volpedo, protagonisti dell’omonima installazione del duo artistico MASBEDO (Nicolò Massazza e Iacopo Bedogni) presente nell’esposizione.

Il lavoro mostra un uomo che porta sulle spalle una riproduzione del capolavoro di Pellizza, parte delle collezioni dell’Accademia Carrara; la vetta della Presolana è la meta di questa ascesa silenziosa, che racconta la solitudine di un momento di dolore e la sua sublimazione. La tela e l’azione riuniscono ed esprimono così la comunione tra il dolore individuale e il dolore collettivo di una valle e della città.

Nelle sale di Ti Bergamo – Una Comunità, la grande proiezione video fa da eco a un’altra opera dei MASBEDO, il documentario Condivisione di un ricordo, che presenta l’operazione che ha interessato Bergamo e i comuni della Val Seriana nell’estate 2020, in cui numerosi manifesti raffiguranti il dipinto di Pellizza da Volpedo sono stati affissi grazie al coinvolgimento delle persone incontrate dagli artisti.

I due lavori, presentati per la prima volta in occasione dell’apertura della mostra lo scorso ottobre, sono stati prodotti appositamente dalla GAMeC e dalla Fondazione In Between Art Film, la casa di produzione cinematografica fondata dalla Presidente Beatrice Bulgari che indaga i confini tra arte contemporanea, cinema e video arte.

Dal 16 al 25 febbraio, in occasione dei due incontri in programma, saranno eccezionalmente online sul sito della GAMeC per poter essere fruiti anche durante i giorni di chiusura del museo.

Queste le conferenze in calendario:

Martedì 16 febbraio, 18:30

I TEMPI DELLA MEMORIA
RICORDO DI UN DOLORE DI GIUSEPPE PELLIZZA DA VOLPEDO

Condotta da Paolo Plebani, Conservatore responsabile dei dipinti dal Cinquecento all’Ottocento, delle raccolte di scultura e degli Archivi Storici della Fondazione Accademia Carrara di Bergamo.

Nel 1889, a Parigi, dove si trova per visitare l’Esposizione Universale, Pellizza da Volpedo viene a sapere dell’improvvisa scomparsa della sorella Antonietta, colpita dalla tubercolosi. Rientrato a Volpedo esegue Ricordo di un dolore, dove raffigura il suo sconforto per la perdita di uno dei suoi affetti più cari.
Paolo Plebani racconterà i dettagli di questa vicenda e guiderà i partecipanti
nell’analisi dell’opera.

Giovedì 25 febbraio, 18:30

I NOMI DELLA PRESOLANA

Condotta da Davide Sapienza, Scrittore, giornalista, reporter di viaggi e co-autore del libro “La Valle Nel Virus”

Valle dell’Ombra, Calvario, Sentiero della Porta, Terre Rosse, Valzurio, Canalino del Diavolo, Grotta dei Pagani, Mare in Burrasca e Occhio dell’Ogna sono alcuni dei genius loci che abitano sentieri e luoghi della Presolana.
Durante l’incontro, Davide Sapienza presenterà i volti e i segreti della “Regina delle Orobie”, territorio di percezioni profonde in grado di mutare l’animo del viandante.

Le lezioni, registrate, si svolgeranno sulla piattaforma Zoom.
Per partecipare è necessario iscriversi ai seguenti link:
16 febbraio – Paolo Plebani: (Form Google)
25 febbraio – Davide Sapienza: (Form Google)
Per ulteriori informazioni
E-mail: servizieducativi@gamec.it

Più informazioni
leggi anche
  • Il ricordo
    Trent’anni senza Manzù, fiori e una mostra virtuale della Gamec: guardala
  • Accoglienza e integrazione
    La Gamec per i rifugiati, il riconoscimento dalle Nazioni Unite
  • Nuovo riconoscimento
    Gamec, Lorenzo Giusti scelto da Artribune come miglior direttore di museo del 2020
  • Il caso
    Paladina, condanna pubblica per l’abbattimento di 18 pini marittimi
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it