Lara Magoni: "Draghi dimentica lo sport, grave danno a un settore fondamentale per l'economia" - BergamoNews
Delegata del coni

Lara Magoni: “Draghi dimentica lo sport, grave danno a un settore fondamentale per l’economia”

“Come campionessa di sci e delegata del Coni – aggiunge Lara Magoni - mi inquieta sapere che ad oggi tutti gli operatori del settore, in attesa di sostegno economico dopo un anno di crisi nera, non sapranno a chi rivolgersi per farsi ascoltare ed ottenere ciò che gli spetta".

“Delusione e rammarico; in una parola, mortificata. Sono questi i sentimenti che provo, constatando che ancora uno volta lo sport è stato dimenticato dalla politica. In un periodo di forte crisi, dove la pandemia ha messo in ginocchio l’attività di migliaia di operatori del settore, con le incertezze sulle riaperture di palestre e piscine, con la montagna bistrattata, il nuovo Governo nasce senza un Ministero ad hoc. Non se lo meritano i nostri giovani, i nostri figli, i nostri atleti che tengono alto il Tricolore nel mondo, tutti coloro che vivono di sport”.

Così Lara Magoni, delegata del Coni, commenta la scelta del Governo Draghi di non dedicare un Ministero allo Sport.

“Come campionessa di sci e delegata del Coni – aggiunge Lara Magonimi inquieta sapere che ad oggi tutti gli operatori del settore, in attesa di sostegno economico dopo un anno di crisi nera, non sapranno a chi rivolgersi per farsi ascoltare ed ottenere ciò che gli spetta. Siamo passati da un ministro, Spadafora, che ha ammesso candidamente di non conoscere lo sport, al nulla. Preoccupante. Anche perché stiamo parlando di un comparto che rappresenta una fetta importante del Pil nazionale”.

“Voglio ricordare che l’attività sportiva assolve ad una funzione sociale decisiva, collante di aggregazione giovanile per milioni di bambini e ragazzi, che grazie alla disciplina, al divertimento e alla ‘fatica’ che impone lo sport, imparano a vivere e a confrontarsi con il prossimo. Oggi, invece, la deriva causata dalla pandemia lascia le famiglie e i figli abbandonati a loro stessi, facili vittime di social e giochi su Internet che spesso diventano pericolosi. Servirebbero politiche ed interventi decisi in tal senso, a favore delle fasce più fragili della nostra popolazione. Penso anche alle persone con disabilità, che con lo sport trovano sollievo e qualche attimo di felicità. E invece, niente”.

“Infine, che tristezza vedere che il Governo non reputa degni di considerazione i nostri atleti agonistici. Oggi siamo nel bel mezzo dei campionati del mondo di sci alpino a Cortina e quelli di snowboard in Svezia, dove la nostra Michela Moioli ha già vinto due preziosi argenti. Da sempre, in ogni disciplina, lo sport italiano rende orgoglioso il suo popolo nel vedere sventolare il Tricolore sul tetto del mondo. Mi auguro, pertanto, che nelle prossime ore si possa comprendere con chiarezza a chi farà a capo la delega allo Sport. Un settore che non può più aspettare: torniamo a parlare di sport, facciamola con forza. Lo sport è vita”, conclude Lara Magoni.

leggi anche
  • Roma
    In diretta dal Quirinale la cerimonia di giuramento del Governo Draghi
    giuramento del Governo Draghi
  • Il nuovo governo
    Draghi accetta l’incarico da premier, da Mattarella con la lista dei Ministri: i nomi
    mattarella e draghi al quirinale (foto Quirinale)
  • Le reazioni
    I 5Stelle e l’appoggio a Draghi; Violi: “Necessario”, Termini: “Quesito parziale”
    Draghi Violi Termini
  • Politica
    Il bergamasco Benigni alle consultazioni: “Draghi dia speranza ai giovani”
    Benigni Draghi
  • Politica
    Italia Viva Bergamo: “Buon lavoro al Presidente Draghi”
    Generico febbraio 2021
  • Il discorso completo
    Mario Draghi al Senato: “Il governo non poggia su alchimie politiche, ma sul desiderio di rinascere”
    draghi al senato
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it