Grifal acquisisce il ramo operativo di Cornelli - BergamoNews
L'operazione

Grifal acquisisce il ramo operativo di Cornelli

L’operazione prevede che Grifal acquisterà il 100% del capitale della Cornelli Brand Packaging Experience Srl per un controvalore complessivo di 1.257.229,00 euro.

Grifal Spa, azienda bergamasca attiva nel mercato del packaging industriale, ha firmato un accordo vincolante per l’acquisto del 100% del capitale sociale di una società a responsabilità limitata di nuova costituzione che verrà denominata Cornelli Brand Packaging Experience Srl e in cui Cornelli Srl, società con sede a Rivolta d’Adda, in provincia di Cremona, fondata nel 1877, effettuerà il conferimento di parte del complesso aziendale concernente la produzione e il commercio di scatole in cartone ondulato, nonché la progettazione e la realizzazione di nuove tecniche di branding applicate al packaging.

Grazie all’acquisizione di Cornelli Srl, Grifal Spa intende ulteriormente accelerare la propria crescita ed incrementare il volume d’affari nei confronti delle aziende che, in Italia e all’Estero, sono particolarmente attente ai temi legati alla sostenibilità, all’innovazione e alla comunicazione applicate al packaging.
L’operazione prevede che Grifal acquisterà il 100% del capitale della Cornelli Brand Packaging Experience Srl per un controvalore complessivo di 1.257.229,00 euro.

guido tisi
Guido Tisi

Studio BNC, con il dottor Guido Tisi, la dottoressa Francesca Ghezzi e la dottoressa Marilena Rota hanno preso parte all’operazione in qualità di advisor, per la parte fiscale e giuslavoristica. AmbroMobiliare ha agito come advisor finanziario, mentre lo Studio Legale NCTM di Milano come advisor legale.

leggi anche
  • Adm
    A Bergamo si attivano 13 officine elettriche a gas naturale
    centraline elettriche
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it