L'analisi

Smartworking per alcuni e qualificati settori, la presenza del lavoratore fa ancora differenza

La valutazione del lavoro da remoto, dei risultati e delle performance dei lavoratori agili non sono ancora una priorità per oltre l’82% delle imprese. Secondo l'analisi svolta dall'Osservatorio di Confindustria Bergamo

Nell’analisi di Confindustria Bergamo il lavoro reso fuori dalle mura d’azienda è indicato come da remoto; in effetti, laddove non si creano le condizioni per lavorare secondo tempi e modi liberi e flessibili è corretto definirlo così: lavoro da remoto o, anche, telelavoro.

In poche parole: sei a casa, davanti al pc e con il medesimo orario che osserveresti in presenza. Punto. Si gode del tempo – e del denaro – risparmiato per gli spostamenti casa-ufficio ma il tutto finisce qui. Smartworking, invece, è quella forma di organizzazione del lavoro che permette di decidere, pur entro certi limiti, orari e luoghi per svolgere i propri doveri professionali, valutati a seconda del raggiungimento di obiettivi e risultati.

Secondo i dati dell’Osservatorio di Confindustria Bergamo, nella nostra provincia – sempre considerando il campione dell’indagine – il 61% delle imprese lavora prevalentemente o esclusivamente in presenza e, se lo sguardo si sposta sui dipendenti (tenendo presente che non tutte le funzioni sono “smartizzabili” e cioè non tutti i lavori si possono fare da remoto), quelli smart sono il 12% rispetto all’88% dei presenti in azienda. Quasi 9 lavoratori su 10 lavorano in presenza.

Generico febbraio 2021
smartworking confindustria bergamo
smartworking confindustria bergamo

I dipendenti che lavorano da remoto si occupano di: amministrazione e finanza (57%), vendite (39%), acquisti (31%) e marketing e comunicazione (22%). La produzione, va da sé, chiude la classifica con il 3%.

Chi è “smart”, in prevalenza, lavora o presso una micro impresa (<10 dipendenti) 23% o in una grande impresa 16%: la flessibilità è patrimonio dei piccoli e dei grandi insieme. Interessante.
In remoto si lavora prevalentemente in alcuni settori (vedi infografica top 5) mentre siamo allo zero virgola nei settori: legno e mobili, alimentari e bevande, carta e stampa.

smartworking confindustria bergamo

La valutazione del lavoro da remoto, dei risultati e delle performance dei lavoratori agili non sono ancora una priorità per oltre l’82% delle imprese. Solo il 17%, stando ai dati, – di cui il 20% sono micro e il 21% medie imprese – ha introdotto nuovi criteri di valutazione dell’esperienza e dei lavoratori.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
leggi anche
Generico febbraio 2021
L'analisi
Ricavi 2020, in calo per oltre il 70% delle imprese bergamasche
Donne lavoro (foto Pikist)
Analisi della cisl
Bergamo vede la luce in fondo al tunnel: “L’occupazione si sta riprendendo”
App Rilevazione Presenze
Libemax
Smartworking e non solo: l’app Rilevazione Presenze per la gestione del dipendenti
planetel
Planetel
Smartworking e intrattenimento: con la fibra superveloce un nuovo modo di vivere la casa
Coda poste
La lettera
“Bergamo, dipendenti pubblici ancora in smartworking, con grossi disservizi”
Pendolari
Il sondaggio
Lo smartworking fa bene all’ambiente: ecco quanto inquina un viaggio Bergamo-Milano
Smart working
La vostra opinione
Bergamaschi e smartworking: piace, ma manca la divisione tra casa e lavoro
smartworking
I consigli
Come cambia il lavoro con il Coronavirus: le aziende ripartono con lo smartworking
Neodecortech
Filago
La sostenibilità al centro del piano industriale 2021-2023 della Neodecortech
fideuram
Il gruppo
Fideuram, massimo storico per le masse amministrate: 257,2 miliardi di euro
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI