Quantcast
Atb, bilancio di sostenibilità: entro il 2025 addio ai bus diesel - BergamoNews
I dati

Atb, bilancio di sostenibilità: entro il 2025 addio ai bus diesel

Il percorso del Gruppo verso una mobilità post pandemia, integrata e sostenibile. È di 41,2 milioni di euro il valore economico distribuito al territorio. L'indice di accessibilità è prossimo al livello medio europeo. La digitalizzazione dei servizi e valorizzazione del capitale umano. Pronti ad attivare di una seconda linea tramviaria.

Si è svolta oggi, in occasione del Mobility Innovation Lab, la presentazione del primo bilancio di sostenibilità ATB, che esprime la volontà di rendicontare l’impegno delle società del Gruppo e delineare i passi futuri seguendo un percorso già intrapreso verso una mobilità integrata, sostenibile e sempre più consapevole delle sfide climatiche, ambientali e sociali.

Ispirato alle Linee Guida e Indicatori per la stesura del Bilancio di Sostenibilità dell’Associazione Trasporti (ASSTRA) e in conformità ai principi internazionali del Global Reporting Initiative (GRI), il bilancio di sostenibilità è un’importante occasione per guardare al lavoro svolto dal Gruppo ATB nel settore del trasporto collettivo e della mobilità integrata ed informare i propri portatori di interesse in modo completo e trasparente rendicontando, in particolare, le attività e i progetti svolti nel corso del 2019 in ambito economico, sociale e ambientale e anticipando gli obiettivi da realizzare nel futuro.

Il percorso, intrapreso dall’azienda ad inizio 2020 e che si è intrecciato sin da subito con l’emergenza sanitaria da Covid-19, di cui Bergamo è stata uno degli epicentri e il cui impatto si è riversato in ogni ambito della vita sociale e dell’organizzazione dei servizi nel nostro territorio. Il progetto ha preso avvio da una fase di analisi e approfondimento del contesto, seguita dal coinvolgimento diretto del management del Gruppo al fine di mappare i principali portatori di interesse (gli stakeholder) e condurre una prima analisi di materialità, volta a identificare i temi ambientali, sociali ed economici più rilevanti per l’organizzazione.

Il bilancio di sostenibilità è suddiviso in sezioni all’interno delle quali, oltre a venir rappresentata l’identità del Gruppo ATB, sono rendicontati i diversi ambiti di impatto e responsabilità: del servizio, delle performances economico-gestionali, verso le risorse umane e le tematiche ambientali. Per ciascun tema affrontato, il racconto della performance e della strategia del Gruppo ATB sono accompagnati da una selezione di indicatori, con l’obiettivo di rendicontare efficacemente l’andamento dei risultati nel tempo.

IL VALORE ECONOMICO GENERATO

Nel bilancio 2019 è stato calcolato il valore economico generato dal Gruppo ATB con un risultato pari a 52,8 milioni di euro, di cui il 78% (41,2 milioni) è stato distribuito agli stakeholders (primi fra tutti fornitori e risorse umane) attraverso lo svolgimento delle proprie attività. Una buona performance economica, fondamentale per ottenere le risorse necessarie agli investimenti del Gruppo quali l’ammodernamento continuo della flotta mezzi, l’innovazione tecnologica e gli investimenti nelle infrastrutture.

Anche la responsabilità nel servizio restituisce l’impegno che il Gruppo ATB ha con il territorio per una mobilità integrata, accessibile e sicura che l’utente valuta (in una scala fino a 10) con un giudizio complessivo di 7,8 per il tram e 7,3 per il servizio di autobus e funicolari. Se i cittadini ricercano nel trasporto pubblico la stessa connettività, efficienza e condivisione che trovano in
altri ambiti della vita, la sfida per le aziende del settore è andare oltre il tradizionale servizio di trasporto.

È su questa esigenza che ATB basa il concetto di mobilità integrata, un sistema unitario di servizi che assicura una copertura capillare del territorio e offre ai cittadini molteplici soluzioni per i loro spostamenti quotidiani:

  • 220 km la lunghezza della rete di trasporto gestita;
  • 12,5 km di linea tramviaria;
  • 7 linee di autobus connesse con il tram e 39 fermate della linea C full electric condivise con altre linee;
  • 4 linee di autobus con fermate in prossimità della stazione ferroviaria e autolinee;
  • 20 parcheggi d’interscambio;
  • 4.106 posti auto-parcheggi di interscambio in prossimità delle linee di trasporto pubblico;
  • 465 posti auto – parcheggi alle Autolinee ed Ex Gasometro;
  • 7 linee di autobus con fermate in prossimità di ciclostazioni del bike sharing;
  • 23 ciclostazioni della BiGi e 7 piste ciclopedonali lungo la linea tramviaria T1.

MOBILITÁ A ZERO EMISSIONI

Secondo studi nazionali (Rapporto Città MEZ 2020 – “Mobilità a Zero Emissioni” redatto da Legambiente e Motus), Bergamo aveva raggiunto nel periodo pre-covid un indice di accessibilità – ovvero una percentuale di spostamenti effettuati con servizi di trasporto collettivo (bus, tram, funicolari) e di spostamenti ciclopedonali o con mezzi “in sharing” – pari al 36%.
L’obiettivo del Gruppo ATB è portare questo valore al 40%, livello medio europeo per le città di medie dimensioni.
La digitalizzazione dei servizi con l’utilizzo di strumenti innovativi, nuove tecnologie e una comunicazione efficiente (l’app ATB Mobile e il sito web, vere e proprie piattaforme digitali per la prenotazione e vendita di tutti i servizi offerti; i totem multimediali, le pensiline smart, i social network e l’ATB Point), consentono ai cittadini di utilizzare al meglio i servizi di mobilità integrata e ottimizzare i processi aziendali.
Sono in corso progetti di innovazione tecnologica e digitalizzazione come il nuovo sistema AVM (Automatic Vehicle Monitoring) per consentire il monitoraggio dei mezzi e l’informazione in tempo reale, il conteggio automatico dei passeggeri ed il nuovo sistema di bigliettazione elettronica (SBE).

Obiettivo del Gruppo ATB è arrivare nel medio periodo all’intera dematerializzazione del documento di viaggio.

La tutela del personale e l’investimento nella crescita professionale sono al centro della responsabilità verso le risorse umane di ATB, che garantisce alle 412 persone che collaborano con il Gruppo un ambiente di lavoro di qualità, sicuro e inclusivo: il 94% dei dipendenti è assunto con contratto a tempo indeterminato; nel 2019 il Gruppo ha assunto 35 persone, prevalentemente nella fascia 30-50 anni; 20,5 sono state le ore di formazione in media per dipendente all’anno; la partecipazione femminile si concentra prevalentemente nei ruoli impiegatizi, dirigenziali e tra gli organi di governo mentre si registra una forte prevalenza maschile tra gli autisti dei mezzi (90%).

RESPONSABILITÁ AMBIENTALE

Al centro degli obiettivi futuri del Gruppo, la valorizzazione del capitale umano, una costante attenzione all’inclusione ed al riconoscimento delle pari opportunità.

E ancora, l’attenzione alla responsabilità ambientale come valore e impegno del Gruppo ATB che colloca al centro della propria mission gli investimenti in mobilità elettrica e sostenibile: negli ultimi anni ATB ha puntato sull’alimentazione “green” acquistando nuovi mezzi ecologici a basse emissioni inquinanti – 9 anni è l’età media del parco mezzi autobus –, contribuendo così al costante aggiornamento della flotta (166 mezzi) composta per circa la metà (49%), da mezzi a basso impatto ambientale, con alimentazione elettrica o a metano:

  • 52 mezzi a metano;
  • 85 a gasolio;
  • 29 elettrici di cui 12 autobus full electric;
  • 14 tram;
  • 3 funicolari.

Si parte da qui per confermare nel prossimo futuro un ambizioso piano di rinnovo dei mezzi che porterà entro il 2025 ad una flotta di autobus diesel-free, convertendo l’intera flotta in mezzi elettrici o a metano, insieme all’avvio della linea tramviaria T2 Bergamo-Villa d’Almè, che vede impegnata in prima linea TEB e al raggiungimento del 40% per l’indice di accessibilità cittadina (trasporto collettivo e mobilità dolce): una risposta efficace al contrasto del cambiamento climatico che posiziona il Gruppo ATB all’avanguardia anche in ambito nazionale.

enrico felli
Enrico Felli, presidente Atb

“La presentazione del bilancio di sostenibilità costituisce un momento particolarmente importante per ATB che ha scelto di condividere in modo spontaneo e volontario con tutti i suoi interlocutori le implicazioni di impatto sulla collettività e sul territorio della propria funzione di gestore della mobilità integrata, dando conto delle scelte dei risultati e delle risorse impiegate – afferma Enrico Felli, Presidente Atb –. Il bilancio contiene una descrizione del ruolo passato e presente della società con l’indicazione degli obiettivi che intende perseguire in futuro per il mantenimento del ruolo di protagonista di una nuova mobilità sostenibile adeguata ai migliori standard europei nel rispetto dei valori che hanno sempre contraddistinto l’attività di ATB sul territorio. ”

Gianni Scarfone, Direttore Generale ATB: “L’emergenza pandemica ha imposto una frenata ma ha anche pienamente dimostrato quanto il trasporto collettivo sia indispensabile per una vita sostenibile sul territorio e come, un servizio spesso dato per scontato, abbia giocato un ruolo primario insieme agli altri servizi che si sono rivelati essenziali nel mantenere vive le connessioni nelle città chiuse dal lockdown. Negli ultimi anni il trasporto pubblico locale ha intrapreso un percorso verso una mobilità integrata e sostenibile (mobilità dolce, sharing, trasformazione digitale) in linea con la rivoluzione globale, recentemente rilanciata dalla Commissione Europea, messa in atto per fronteggiare la crisi climatica ed agire concretamente nelle sfide per lo sviluppo sostenibile . È da qui che ATB vuole ripartire per sviluppare il nuovo modello di mobilità integrata e sostenibile, efficacemente sintetizzato nella proposta “Back to Better Mobility” lanciata da UITP – Unione Internazionale del Trasporto pubblico – di cui l’azienda è partner. La sfida della sostenibilità non riguarda solo noi ma investe molteplici soggetti (Istituzioni, aziende, cittadini, associazioni), perciò riteniamo sia ormai tempo per costruire anche nel nostro contesto un’Agenda Territoriale per lo Sviluppo Sostenibile, come già avvenuto in altre città, che declini a livello locale gli Obiettivi dello Sviluppo Sostenibile (Sustainable Development Goals – SDGs) dell’ONU e la strategia europea del Next Generation EU. Noi siamo pronti a portare il nostro contributo a partire dai contenuti del bilancio di sostenibilità”. 

Il bilancio di sostenibilità ATB, consultabile sul sito atb.bergamo.it, è un progetto realizzato con il contributo tecnico di Fieldfisher e, per il progetto grafico, di Intwig.

Bilancio di sostenibilità ATB

Presentazione_Bilancio di sostenibilità ATB

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
Mappa 10 febbraio
La mappa
Covid, curva epidemica in lieve aumento nella Bergamasca: i comuni più colpiti
Generico febbraio 2021
I dettagli
Truffa sui vaccini anti-Covid, l’allarme dell’Asst Bergamo Ovest
Dati 10 febbraio
I dati
Coronavirus, in Lombardia 1.849 nuovi positivi: 134 sono quelli di Bergamo
Sci Club RadiciGroup, inaugurata la stagione
Ordinanza lombarda
È ufficiale: lunedì 15 febbraio riaprono gli impianti sciistici
Sofia Goggia - Crans Montana 2021
Sci alpino
Mattarella telefona a Sofia Goggia: “Un grande piacere, mi serve tanto coraggio”
"Giustizia per Bara": gli striscioni dei Black Lives Matter in tribunale a Bergamo
Tribunale
Bara, morto a 20 anni nel burrone di Ubiale: i 3 imputati in Corte d’Assise
Vatinee Suvimol
La bella storia
Vaty, l’abbandono a Bangkok, la nuova vita a Bergamo: ora sarà doppiatrice nel nuovo film Disney
Atalanta-Napoli
Appunti&virgole
Atalanta show, un’altra notte magica. Con Gasperini seconda finale in tre anni
Tamponi Coronavirus
Nuovi casi
Focolaio di Covid con variante inglese a Trescore, l’Ats: “Persone già isolate”
Donne lavoro (foto Pikist)
Analisi della cisl
Bergamo vede la luce in fondo al tunnel: “L’occupazione si sta riprendendo”
Gianni Scarfone
La proposta
Scarfone (Atb): “Costruiamo un’Agenda territoriale per lo sviluppo sostenibile”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI