Al passo con i tempi: Automha e Soavegel - BergamoNews
A cura di

Automha

Il lavoro

Al passo con i tempi: Automha e Soavegel

Automha ha studiato per Soavegel una soluzione su misura: un magazzino automatico alto 17 metri, in grado di operare a una temperatura di -25° per una capacità di carico di oltre 400 unità

Da quasi un anno, l’emergenza sanitaria ha modificato molti aspetti della vita delle persone: abitudini, attività e diete alimentari sono radicalmente cambiate, incidendo anche e soprattutto sulle scelte d’acquisto di prodotti durante la spesa. Complici i limitati spostamenti e l’obbligo di non uscire di casa se non per comprovate necessità, durante il lockdown è aumentata notevolmente la vendita di prodotti surgelati. Lo conferma il “Rapporto annuale sui consumi dei prodotti surgelati in Italia” di IIAS – Istituto Italiano Alimenti Surgelati, che già nel 2019 aveva registrato un trend molto positivo, e che ha registrato un’ulteriore crescita nei primi mesi del 2020.

Durante il periodo di lockdown, infatti, le persone hanno potuto rivalutare non solo la praticità di cucinare alimenti surgelati, ma anche le loro qualità e la loro bontà. A differenza di quello domestico, il processo di surgelazione industriale non altera le caratteristiche organolettiche e nutritive del prodotto e non richiede l’utilizzo di conservanti: il gusto degli alimenti rimane così inalterato.

Una delle più grandi aziende alimentari del settore frozen food è Soavegel. Situata a Francavilla Fontana, in provincia di Brindisi, da più di 80 anni si occupa della surgelazione di prodotti alimentari, ed è oggi punto di riferimento italiano ed europeo per la produzione e distribuzione di specialità di “Alta Gastronomia” e di piatti pronti surgelati dedicati al settore del Retail e Ho.Re.Ca. In questo contesto, Soavegel ha saputo distinguersi dagli altri competitor per la continua ricerca di materie prime di qualità e l’investimento costante per lo sviluppo di impianti produttivi e strutture tecnologiche moderne e innovative. La crescita e l’evoluzione dei processi aziendali hanno spinto Soavegel a rivolgersi ad Automha con l’obiettivo di trovare una soluzione per gestire al meglio lo stoccaggio dei propri prodotti alimentari surgelati.

Automha è un’azienda italiana leader nel settore della progettazione, produzione e installazione di magazzini automatici destinati a ottimizzare e a migliorare l’organizzazione del lavoro all’interno di centri di distribuzione e di stabilimenti produttivi. La realtà di Azzano San Paolo è stata la prima azienda, nel settore intralogistico, a realizzare sistemi completamenti automatici in grado eseguire e mantenere prestazioni efficienti a temperature comprese tra +55° e -30°, quindi ideali per il settore dei magazzini a celle frigorifere.

Automha ha studiato per Soavegel una soluzione su misura: si tratta di un magazzino automatico alto 17 metri, in grado di operare a una temperatura di -25° per una capacità di carico di oltre 400 unità. Si basa sul lavoro di 6 AutosatMover, il sistema modulare Automha di ultima generazione per lo stoccaggio automatico dei pallet in multiprofondità. Questo dispositivo si avvale di un’alimentazione indotta da blindosbarre, consente alla macchina di muoversi con maggiore sicurezza e libertà all’interno dell’ambiente in cui è inserita, di ridurre i lunghi tempi di ricarica rispetto ai satelliti dotati di batterie integrate e di evitare la necessaria e costante presenza di tecnici per sostituire gli accumulatori. AutosatMover è composto da Mover, una navetta madre che scorre su binari perpendicolari ai canali di stoccaggio, e da Supercap, il veicolo figlio, posizionato a bordo di Mover e comandato dallo stesso attraverso un collegamento WiFi. A questa soluzione si aggiunge un altro impianto a trasloelevatore con Supercap a bordo, per la gestione dei prodotti a bassa e ad alta rotazione.

Il magazzino automatico installato da Automha per la realtà pugliese ha consentito la risoluzione di numerose problematiche: ha abbassato i costi di ricambistica e l’energia impiegata, senza influenzare in maniera negativa l’efficienza produttiva, e ha ridotto il volume di stoccaggio del 20%, con un conseguente risparmio annuo in termini di costi.

Valore aggiunto dell’intero sistema è l’installazione di un robot per il layer picking, che lavora a un ritmo di 60 layer all’ora, in grado di garantire una sostanziale riduzione dei tempi di lavorazione e un incremento della produttività aziendale. Completa il magazzino la piattaforma AWM (Automha Warehouse Management) per la gestione totale, che con i suoi 4 software traccia tutti i prodotti monitorando e tenendo sotto controllo le varie date di scadenza, permettendo agli operatori di intervenire prontamente per evitare che le risorse vadano sprecate.

Con Soavegel, Automha conferma ancora una volta la propria solidità aziendale e leadership globale. Le numerose collaborazioni portate a termine con le più grandi aziende del settore degli alimenti surgelati, come Aviko in Olanda e Simplot in Argentina, rafforzano la posizione dell’azienda bergamasca come punto di riferimento all’interno del settore del frozen food.

Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it