Cinema

La recensione

“The Mandalorian”: missione di salvataggio nell’universo di Star Wars

Dopo aver scoperto l’identità di uno dei suoi obbiettivi, un famigerato cacciatore di taglie di razza mandaloriana decide di intraprendere una guerra personale per riportarlo a casa

Titolo: The Mandalorian

Ideatore: Jon Favreau

Genere: Azione, avventura, fantascienza

Durata: 50’ per episodio

Interpreti: Pedro Pascal, Gina Carano, Giancarlo Esposito, Carl Weathers, Taika Waititi

Programmazione: Disney+

Valutazione IMDB: 8.8/10

Ai confini della Nuova Repubblica, poco dopo la rovinosa caduta dell’Impero Galattico, il cacciatore di taglie di razza mandaloriana Din Djarin (Pedro Pascal) opera per conto di una gilda situata sul pianeta di Nevarro. Tale corporazione, come facilmente pronosticabile, è guidata dallo spietato Keef Manga, individuo perfido che non si fa scrupoli ad inviare “Mando” a compiere missioni di ogni tipo e crudeltà in giro per la galassia, ovviamente a patto di una retribuzione consona al disturbo.

Djarin è infatti l’uomo migliore che ha e il motivo va ricercato nelle sue origini: egli fa parte di un misterioso e spietato gruppo di assassini e cacciatori di taglie noto come “la Tribù”, che vive nella periferia del pianeta. Il manipolo, oltre che di natura controversa e al centro di molti racconti mitici, è formato nella sua totalità da seguaci del “Credo di Mandalore”, da cui prendono il nome, ed è capitanato da una donna nota solo come l’Armaiola.

“Mando” si è sempre distinto in battaglia per la devozione verso il suo credo e per la crudele apatia con cui ha portato a compimento i suoi incarichi, ma questa volta qualcosa va storto.

Djarin accetta infatti di recuperare una creatura non meglio identificata per conto di un cliente che vuole tenere nascosta la sua identità, ma una volta catturata la preda è delle più insolite.

Si tratta infatti di un bambino verde di razza sconosciuta, la stessa di Yoda per intenderci, in grado di usare la Forza e perennemente affamato. Mosso da un non meglio specificato senso di responsabilità paterno, il Mandaloriano si redime decidendo di intraprendere una guerra personale contro la gilda, il Nuovo Impero e persino contro il potente cliente sconosciuto pur di riportare il piccolo tra i suoi simili, e per farlo avrà bisogno di aiuto.

The Mandalorian” è una serie d’azione fantascientifica ambientata nell’universo di Star Wars il cui focus è puntato sulla razza Mandaloriana, raccontata tanto superficialmente durante gli eventi della saga canonica quanto amata dai fan per il design originale ed il carisma di personaggi di Boba Fett.

Gli eventi si svolgono circa cinque anni dopo quelli narrati ne “Il ritorno dello Jedi” e venticinque prima de “Il risveglio della Forza” della terza trilogia.

L’opera, fortemente voluta dal regista e sceneggiatore Jon Favreau, è un prodotto di qualità eccelsa che riesce nell’ardua impresa (compiuta solo in parte nella recentissima terza trilogia) di riprodurre integralmente atmosfere, dialoghi e personaggi fedeli alla traccia originale lasciata in eredità da George Lucas.

Il protagonista, così come i comprimari negativi e positivi che gli ruotano attorno, che viene a delinearsi via via che la storia procede è infatti complesso e dal carattere enigmatico, dominato dagli istinti più contrastanti ma che comunque rimane ligio al dovere autoimposto di portare in salvo una giovane vita, anche a costo di mettere a rischio la propria.

Il rapporto che infatti s’instaura tra il Bambino e “Mando” è di una profondità tale da ricordare vagamente quello venutosi a creare anni prima tra Luke e Obi-One e l’universo che li circonda non è certo da meno. La Galassia, ora più che mai, è infatti dominata da moti rivoluzionari e controrivoluzionari continui con conseguenze che non di rado si ripercuoto, direttamente o no, sul viaggio del Mandaloriano. Ogni luogo ha la sua storia e il suo sviluppo così come ogni personaggio ha un trascorso specifico ed un vissuto peculiare che lo rendono fondamentale qualunque sia la rilevanza all’interno della sceneggiatura.

Rivisitazione fedele e moderna dell’universo di Guerre Stellari, “The Mandalorian” è una serie televisiva live action per ora composta da sue stagioni (e con una terza in dirittura d’arrivo) in grado di farci respirare un’atmosfera simile a quella creata da Lucas tra gli anni ‘70 e ‘80.

Battuta migliore: “Questa è la via!”

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
leggi anche
Generico gennaio 2021
La recensione
“Il fotografo di Mauthausen”: dramma biografico sulla vita di Francisco Boix
regina degli scacchi
La recensione
“La regina degli scacchi”: miniserie su luci ed ombre della vita di una giocatrice prodigio
lupin
La serie tv
“Lupin”: le avventurose imprese del ladro più famoso di tutti i tempi
Sanpa
La recensione
“Sanpa”: luci e ombre di San Patrignano
love actually
La recensione
“Love Actually”: romantica commedia inglese per San Valentino
la nave sepolta
La recensione
“La nave sepolta”: la vera storia degli scavi di Sutton Hoo
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI