Quantcast
L'ultimo saluto a Pepi Merisio: "Un gigante nel fisico e nello spirito" - BergamoNews
I funerali

L’ultimo saluto a Pepi Merisio: “Un gigante nel fisico e nello spirito”

Con la sua arte ha fissato gli ultimi bagliori della civiltà contadina: commosso addio in Borgo Palazzo al grande fotografo.

Ci ha lasciato le icone dell’umanità dei semplici, degli ultimi, della civiltà contadina, che era di sofferenza per le fatiche del vivere quotidiano ma era anche una serenità, era la capacità quasi smarrita di far festa, di essere comunità.

Questa l’immagine che è stata scattata nella chiesa di S. Anna, in Borgo Palazzo, per l’addio partecipato e toccante al fotografo Pepi Merisio, una “firma” internazionale con il suo obiettivo.

Si è riunita una folla di amici, conoscenti, estimatori di ogni area e provenienza per assistere ai funerali nella mattinata di venerdì 5 febbraio, presieduti dal parroco don Eliseo Pasinelli con un gruppo di sacerdoti attorno all’altare, tra i quali il parroco di Caravaggio, paese dove Pepi Merisio era nato nel 1931.

Lo sguardo è stato il filo conduttore degli interventi di don Pasinelli all’omelia, con accenti insistiti sulla dirittura morale di Merisio, come uomo e come cristiano convinto, un uomo di carattere, con una personalità e un’intelligenza spiccate, coerente con le sue idee e i suoi ideali, di riconosciuta saldezza sia nel mestiere sia – ancor prima e di più – nei rapporti umani, che facevano scattare l’empatia nei soggetti da ritrarre.

E il punto di partenza e di arrivo era lo sguardo: per la sua famiglia, la moglie Anna Maria innanzi tutto, che è stata la bussola di un’esistenza fatta di viaggi continui, di incontri, di contatti.

Pepi aveva la certezza di una moglie e di una mamma perfetta regista nell’educazione dei figli Marta e Luca, del loro futuro, dei nipoti ma anche nella gestione dei molti impegni di lavoro del marito e padre.

Al termine del rito, il giornalista e scrittore Giovanni Gazzaneo – che scrive per “Avvenire” e “Luoghi dell’infinito”, testate per le quali ha lavorato anche Pepi – ha tracciato un intenso ritratto dell’uomo e dell’artista, con le tessere di un ricco e policromo mosaico.

“Gigante nel fisico e nello spirito – lo ha definito, ricordando il lungo percorso compiuto da Pepi in più di mezzo secolo con l’obiettivo a tracolla – . Era uno che prima di tutto guardava con il cuore. Possedeva una rara prontezza di sguardo che lo metteva subito in comunicazione con le persone, con gli altri, con i molti ‘altrove’ che ha fissato su km di pellicole. Aveva interesse dichiarato per l’umanità di chi aveva di fronte, per la bellezza che è stata la centralità continua del suo messaggio. Alla bellezza accostava altre virtù come l’essenzialità, la sobrietà in un canto di terra e di cielo, di vita e di morte”.

Le fotografie di Merisio parlano e raccontano i suoi orizzonti, le sue radici, con lo sguardo suo – riecco l’architrave di una documentazione – verso lo sguardo altrui, nella costante dello stupore. Realtà, speranza, genialità degli artigiani, serenità dei vecchi che molto hanno dato e poco hanno chiesto: è l’eredità di un mondo al tramonto di cui Pepi ci ha tramandato gli ultimi bagliori, consentendo a noi e al futuro di fare memoria, di restare nella memoria.

“Al centro – ha continuato Gazzaneo – c’era la concezione del tempo, c’era la proiezione di una luce che dalla terra lambiva il cielo. Avvertiva l’esigenza di immortalare la civiltà contadina, per la quale ha consumato parecchie suole di scarpe, dalla pianura alla montagna, dai laghi alle valli”.

Quello che si è conosciuto di Pepi è il ritratto di un uomo libero: che nello sguardo ha saputo moltiplicare intelligenza e sensibilità, testimoniando la sia fede da quella decisiva cattedra che è la vita.

Il sindaco di Bergamo, Giorgio Gori ha sottolineato la corrispondenza d’empatia che si stabiliva tra il fotografo che doveva ritrarre e le persone che entravano nel suo obiettivo, ma prima ancora nella sua capacità di immedesimarsi nell’altro.

“Ci ha narrato i cambiamenti di questi ultimi decenni, chi siamo stati fino al passato prossimo, chi siamo diventati nell’arco di tempo abbracciato con la sua macchina fotografica. Sono gli ultimi scampoli di una civiltà di fatica, di sudore, ma anche con l’energia del ritrovarsi come comunità”.

Ed è un messaggio che è un’eredità da custodire. È già storia.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
Più informazioni
leggi anche
"Guardami" di Pepi Merisio
Bergamo
Gori ricorda Pepi Merisio: “Avrei voluto dargli di persona la benemerenza civica”
Valle Imagna - Pepi Merisio
Il ricordo
Pepi Merisio, geniale fotografo “architetto” della quotidianità
Pepi Merisio
Aveva 90 anni
Addio a Pepi Merisio: immortalò con la fotografia l’Italia del Novecento
la finestra del sole
A seriate
“Aiutaci ad aiutare”, raccolta alimentare per chi è in difficoltà
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI