Despar lascia Bergamo? In forse 4 punti vendita e circa 60 lavoratori - BergamoNews
La vertenza

Despar lascia Bergamo? In forse 4 punti vendita e circa 60 lavoratori

Giovedì 4 febbraio incontro in Regione. Luca Riva (Fisascat Cisl): “Da Alco risposte e garanzie insufficienti”

Si addensano nubi sempre più grigie sul futuro dei dipendenti del gruppo L’Alco, che in provincia di Bergamo gestisce 4 punti vendita Despar, dove lavorano circa 60 persone.

Nell’incontro di ieri sul tavolo della quarta commissione Attività produttive di Regione Lombardia, dove si sono confrontati i membri della commissione, alcuni consiglieri,
i rappresentanti dell’amministrazione L’Alco e i rappresentanti sindacali di Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil, non sono emerse novità particolarmente tranquillizzanti: esiste un “cavaliere bianco” pronto a rilevare parte della rete di punti vendita, ma che ha già manifestato l’intenzione di “tagliare” 240 degli attuali 750 dipendenti.

“Siamo rimasti positivamente colpiti dall’impegno di Regione Lombardia, disponibile a farsi parte attiva nei confronti del gruppo in crisi e dell’operatole interessato – riferisce Luca Riva, che per Fisascat Cisl Bergamo segue la vertenza -. Resta comunque una situazione drammatica: i lavoratori sono da mesi senza certezze, nei negozi manca ogni tipo di merce, gli stipendi arrivano a singhiozzo, e importanti arretrati contrattuali non sono stati ancora onorati. Così, aumentano anche le preoccupazioni per il futuro: a Bergamo e provincia si rimane appigliati all’unica speranza della trattativa con un nome importante della grande distribuzione, ma la spada di Damocle dei 240 esuberi non concede ampi spazi di tranquillità: anche perché pare che la richiesta dell’acquirente sia che gli esuberi trovino la risoluzione consensuale con Alco, che ha prospettato un incentivo insufficiente e non dà garanzie che possano essere recuperati tutti gli arretrati e il Tfr maturato”.

Secondo una nota unitaria Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil regionali, maggior chiarezza si dovrebbe avere nel prossimo incontro in Regione, ancora da fissare, per il quale l’azienda si sarebbe impegnata a fornire dati più precisi alla commissione.

Secondo quanto sostenuto nell’incontro infatti, quelli su cui si è discusso fino a questo momento non sarebbero quelli ufficiali. Regione Lombardia si è fatta carico anche del compito di attivare un tavolo di confronto, su richiesta dei sindacati, utile a verificare quali ammortizzatori sociali adottare per supportare le difficoltà dei dipendenti, che al momento stanno lavorando in negozi ormai svuotati di tutta la merce e hanno qualche stipendio arretrato da ricevere.

leggi anche
  • Per tre mesi
    Lucente sanificherà la flotta bus di Atb
    atb sanificazione bus
  • I dati
    Bergamo e l’ingegno degli inventori: quasi due brevetti a settimana nel 2020
    brevetti idee
  • Da marzo
    Just Eat, prime assunzioni con contratto di lavoro dipendente per i rider
    rider scoober nostra
  • L'investimento
    Terna investe sulla rete lombarda: la nuova Cassano-Chiari
    Terna - elettrodotto
  • La denuncia
    Trasporto vaccini, “Manca personale, 140 dipendenti hanno lasciato le Poste”
    I primi vaccini al Papa Giovanni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it