Danni e furti alle medie, spariti i pc per la Dad: la rabbia del sindaco - BergamoNews
Nella notte a cisano

Danni e furti alle medie, spariti i pc per la Dad: la rabbia del sindaco

Il primo cittadino Andrea Previtali: "Già ci sono mille difficoltà, non ci sono parole per esprimere quel che si prova"

Furto alle scuole medie di Cisano Bergamasco, nella notte tra giovedì 4 e venerdì 5 febbraio.

“Oltre a rompere un serramento nuovo, hanno scardinato alcune porte e rubato diversi computer portatili, utilizzati dai professori e i ragazzi per la Dad” racconta sui social il sindaco Andrea Previtali (Lega).

I vigili stanno verificando le riprese delle telecamere. “Non ci sono parole adeguate per esprimere quello che si prova – continua Previtali -. Già ci sono mille difficoltà, già è stato un anno difficile per ragazzi, gli insegnanti, i professori, la dirigenza scolastica, le famiglie, per tutti noi… E lo è ancora.
Non ho la parola giusta per definire chi ha fatto un atto del genere; anzi ne avrei molte… Dico solo che chi ha fatto un atto del genere non può essere definito un essere umano”.

Stanotte hanno rubato alle scuole medie.
Oltre a rompere un serramento nuovo, hanno scardinato alcune porte.
Ed hanno…

Pubblicato da Andrea Previtali su Venerdì 5 febbraio 2021

leggi anche
  • Venerdì mattina
    Incendio all’alba a Mozzo: in fiamme il tetto di una villetta
    Incendio a Mozzo
  • Trasferiti a zingonia
    Braciere in camera da letto per scaldarsi: coppia intossicata
    trattamento di ossigeno terapia in regime di emergenza a Zingonia
  • Solidarietà
    Cisano, dopo il furto a scuola donati 5 nuovi pc per gli studenti
    Generico febbraio 2021
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it