Quantcast
Gori ricorda Pepi Merisio: "Avrei voluto dargli di persona la benemerenza civica" - BergamoNews
Bergamo

Gori ricorda Pepi Merisio: “Avrei voluto dargli di persona la benemerenza civica”

Anche il sindaco di Bergamo Giorgio Gori ha voluto ricordare il grande fotografo bergamasco morto il 3 febbraio

Nato a Caravaggio nel 1931, è morto a Bergamo mercoledì 3 febbraio Pepi Merisio: un maestro della fotografia italiana.

Un grande scrittore della luce, in particolare quella del lavoro e dell’etica contadina che si traduce in pochi simboli ma di altissimo valore. Così come era per Giacomo Manzù nella scultura con la sedia, i cardinali, le nature morte, così come lo è stato poi per quel capolavoro cinematografico che è “L’albero degli zoccoli” di Ermanno Olmi.

Il sindaco di Bergamo Giorgio Gori ha voluto ricordarlo, riportando alla memoria il suo profondo legame con il territorio bergamasco nella sua poesia di immagini, luci e contrasti e la benemerenza civica appena assegnatagli.

“Con la scomparsa di Pepi Merisio Bergamo perde un artista di statura internazionale, innamorato del suo territorio e dei bergamaschi. Le sue fotografie hanno raccontato il nostro paesaggio, la vita delle comunità rurali e i cambiamenti che le hanno attraversate nel corso del Novecento.

Proprio recentemente Bergamo ha voluto onorare il grande fotografo: con la mostra “Guardami”, allestita nel 2019 negli spazi del Museo della Fotografia Sestini al Chiostro di San Francesco, a cura della Fondazione Bergamo nella Storia, e con la benemerenza civica che avevamo deciso di attribuirgli sul finire dello scorso anno, e che purtroppo non ho avuto la possibilità di consegnargli a causa delle limitazioni anti-Covid.

Le sue istantanee, custodite proprio nell’archivio del Museo della Fotografia, rappresentano un pezzo della nostra storia e della nostra vita.”

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
leggi anche
Valle Imagna - Pepi Merisio
Il ricordo
Pepi Merisio, geniale fotografo “architetto” della quotidianità
Pepi Merisio
Aveva 90 anni
Addio a Pepi Merisio: immortalò con la fotografia l’Italia del Novecento
"Guardami" di Pepi Merisio
La mostra
“Guardami”: lo sguardo empatico di Pepi Merisio sulla Bergamo del dopoguerra
ospedale fiera covid coronavirus infermieri
Bergamo
Civiche benemerenze, dal Comune Medaglie d’oro agli angeli del Covid
pepi merisio
I funerali
L’ultimo saluto a Pepi Merisio: “Un gigante nel fisico e nello spirito”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI