Quantcast
"Nella seconda ondata Covid 50 mila morti, 1 su 5 in Lombardia" - BergamoNews
Il report dell'iss

“Nella seconda ondata Covid 50 mila morti, 1 su 5 in Lombardia”

Ampiamente superato il bilancio della prima ondata, da marzo a maggio 2020, quando i decessi furono 34.278

Quasi 50 mila vittime: 49.274, per la precisione. Sono i decessi per Covid in Italia durante la seconda ondata dell’epidemia, che comprende il periodo che va da ottobre a oggi. Uno su cinque in Lombardia, secondo quanto rilevato dall’Istituto superiore di Sanità nel report ‘Caratteristiche dei pazienti deceduti positivi all’infezione da SARS-CoV-2 in Italia’.

L’età media dei pazienti deceduti e positivi al Covid è 81 anni. Le donne decedute sono 37.295 (43,7%) mentre l’età mediana dei pazienti deceduti positivi è più alta di oltre 30 anni rispetto a quella dei pazienti che hanno contratto l’infezione (48 anni).

Le donne decedute dopo aver contratto l’infezione hanno un’età più alta rispetto agli uomini (età mediane: donne 86 anni – uomini 80 anni). L’età media dei decessi settimanali è andata sostanzialmente aumentando fino agli 85 anni (1° settimana di luglio) per poi calare leggermente.

È stato dunque ampiamente superato il bilancio della prima ondata, da marzo a maggio 2020, quando i decessi furono 34.278.

Più informazioni
leggi anche
i dati di 30 gennaio
I dati
Covid, 12.715 i nuovi casi: 1.832 in Lombardia, 65 a Bergamo
Dati Regione
I dati di domenica 31 gennaio
Covid: 24 decessi e 1.438 positivi in Lombardia, 83 sono a Bergamo
Vaccino Covid
I punti fermi
Covid, cosa sapere e fare prima e dopo la vaccinazione: domande e risposte
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it