Levate, sdoganate oltre 6 milioni di mascherine chirurgiche - BergamoNews
L'operazione

Levate, sdoganate oltre 6 milioni di mascherine chirurgiche

Le merci contenute in 4605 colli, provenienti dalla Cina, sono state rese immediatamente disponibili per la fornitura a Società autorizzate per la distribuzione e successiva vendita.

I Funzionari ADM di Bergamo, sede di Levate, nell’ultima settimana, hanno proceduto allo sdoganamento con svincolo diretto di 6.150.000 mascherine chirurgiche.

Le merci contenute in 4605 colli, provenienti dalla Cina, sono state rese immediatamente disponibili per la fornitura a Società autorizzate per la distribuzione e successiva vendita.
Le operazioni di sdoganamento sono state effettuate con la massima rapidità in applicazione dell’Ordinanza n. 19/2020 del Commissario Straordinario per l’Emergenza Covid 19.
Continua l’attività di ADM per assicurare la tempestiva disponibilità di dispositivi di protezione necessari a contrastare il contesto emergenziale ancora in corso.

leggi anche
  • Prada cup
    Luna Rossa batte American Magic e va in finale
    Luna Rossa (Phil Walter/Getty)
  • Le previsioni
    Alternanza di nuvole e schiarite nell’ultimo weekend di gennaio
    nuvoloso
  • L'iniziativa
    “C’è armonia”, concerto in diretta Facebook dall’ospedale di Alzano
    "C'è armonia", concerto in diretta Facebook dall'ospedale di Alzano
  • I programmi
    Io sto con gli ippopotami, Cattivissimo me o The Jackal: la tv del 30 gennaio
    Io sto con gli ippopotami
  • Nostalgica tv 32
    Un quasi kolossal, il “Gesù” di Zeffirelli, e uno strepitoso “Ligabue”: è il 1977
    gesù zeffirelli
  • Clusone
    “Facciamo sesso e dammi 500 euro, altrimenti rivelo tutto a tuo marito”: arrestato 41enne
    arresto
  • Il documento
    Commercialisti: il credito di imposta sulle locazioni e i comuni in stato di emergenza
    affitti
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it