BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Tanti auguri Gasperini: compie 63 anni l’uomo che ha l’Atalanta “in pugno”

L'affaire Gomez l'ha dimostrato in modo chiaro e netto: il tecnico piemontese è sempre più al centro del progetto nerazzurro

Più informazioni su

Il presidente Percassi l’ha ribadito più volte: “Il mister resta a vita”. Solo uno slogan? Probabilmente sì, perché tutti i cicli – anche quelli che entrano nella leggenda – prima o poi finiscono. Ma qualcosa di vero in quella frase ripetuta più volte dal patron nerazzurro c’è.

Gian Piero Gasperini oggi, martedì 26 gennaio, compie 63 anni. E può dire di avere “in pugno” l’Atalanta come mai nessuno l’ha avuta prima di lui.

La squadra lo segue e mette in pratica alla perfezione la sua idea di calcio, i tifosi lo amano e la società se lo tiene stretto. Perfino la brutta questione Gomez si è risolta con il Gasp vincitore totale. E sembra quasi uno strano scherzo del destino il fatto che il Papu firmerà il suo contratto col Siviglia proprio nel giorno del 63° compleanno del tecnico.

L’affaire Gomez ha forse messo ancor di più Gasperini al centro del mondo Atalanta: spogliatoio, società e piazza, quando si sono trovati a scegliere chi scaricare dopo quell’Atalanta-Midtjylland di inizio dicembre, non ci hanno pensato due volte.

Dispiace enormemente per il Papu, ma è facile capire perché i tifosi si sono schierati con il tecnico (cittadino onorario di Bergamo dal 2019) che, da quando è sbarcato in terra orobica nell’estate del 2016, ha conquistato due qualificazioni in Europa League e due qualificazioni in Champions League, senza dimenticare la finale di Coppa Italia del 2019 e la semifinale di Champions sfiorata l’estate scorsa.

Gasperini con il presidente Percassi in una foto del 2018
Gasperini

Per non parlare poi dei giocatori trasformati in oro in questi cinque anni, che hanno portato nelle casse di Zingonia più di 200 milioni di euro frutto delle plusvalenze ottenute dalla vendita dei gioielli lanciati dal tecnico piemontese. Da Kessie a Conti, da Gagliardini a Bastoni, da Kulusevski a Diallo… l’elenco è lungo.

Come Gasperini a Bergamo non c’è stato mai nessuno. E nessuno a Bergamo se lo vuole lasciar scappare, anche a costo di “sacrificare” miti e idoli. Vale per la società, vale per i tifosi.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.