BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La colonna di San Lorenzo, storia di una chiesa scomparsa

Nuova puntata della rubrica domenicale di BGY che fa tappa in Città Alta

La costruzione delle Mura Venete ha lasciato parecchie ferite all’intero dell’abitato di Città Alta.

Centinaia di edifici furono infatti distrutti per lasciare spazio alla nuova struttura difensiva, fra essi diversi spazi sacri, dalla Cattedrale di Sant’Alessandro al monastero di San Domenico.

Il ricordo degli antichi stabili è rimasto vivo nei secoli in alcuni simboli come la colonna di San Lorenzo.

Eretto nel 1627 in memoria dell’omonima chiesa demolita, il monumento venne benedetto dal vescovo Agostino Priuli oltre ad esser utilizzato come riferimento per il calcolo delle distanze lungo la Strada Priula.

Costituito da uno stretto basamento parallelepipedo alto circa un metro e da un capitello liscio con un ferro portastendardo, il pilastro è decorato da uno scudo gigliato e da un cartiglio ormai vuoto.

L’iscrizione venne infatti cancellata durante l’occupazione francese come avvenuto per gran parte delle scritte veneziane presenti in città.

Nonostante il drastico intervento attuato dalle autorità transalpine, il testo del cartiglio venne conservato all’interno della Biblioteca Civica “Angelo Mai”, salvaguardando così un pezzo di storia del capoluogo.

Fonti

Arnaldo Gualandris; Monumenti e colonne di Bergamo; Bergamo; Circolo culturale G. Greppi, 1976

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.