BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Goggia da record e padrona delle discese: “Vittoria di maturità e d’esperienza”

La campionessa bergamasca è la prima sciatrice italiana a infilare una serie di 4 successi in fila: "Sono alla ricerca della solidità e penso che la maturità di un'atleta stia anche nella capacità di mantenere la concentrazione".

Più informazioni su

Vincere è difficile, rimanere al vertice lo è ancor di più.

Sofia Goggia ha imparato a conoscere questa importante lezione nel corso della propria carriera che l’ha vista trionfare nei più importanti palcoscenici dello sci mondiale.

I quattro successi consecutivi in discesa libera (unica italiana a riuscire nell’impresa) è soltanto l’apice di un lungo percorso iniziato con l’infortunio di Garmisch e caratterizzato da una crescita sia fisica che personale, accompagnata dal nuovo skiman Barnaba Greppi.

In grado di risalire sempre la china anche nei momenti più bui, la campionessa olimpica ha lavorato negli ultimi mesi particolarmente sulla stabilità della propria sciata, riducendo al minimo gli errori commessi in gara.

La dimostrazione è la doppia affermazione ottenuta sulla “Mont Lachaux” in condizioni climatiche e di tracciato diverse che hanno richiesto alle atlete un particolare spirito di adattamento alle modifiche presentate nel corso del week-end elvetico.

“È una vittoria di maturità e di esperienza. Sono alla ricerca della solidità e penso che la maturità di un’atleta stia anche nella capacità di mantenere la concentrazione. Ci sto riuscendo in discesa – ha spiegato la 28enne di Astino al termine della discesa di sabato -. Si vive sempre per la prossima gara e per le esperienze che non abbiamo ancora avuto. Ho sempre avuto sci molto veloci. Con i primi numeri era molto buio e non ho spinto a tutta”.

Come più volte ribadito dalla finanziera orobica, una spinta fondamentale è giunta anche dalle compagne di nazionale con la quale la fuoriclasse tricolore ha condiviso i suoi più grandi traguardi.

Le vittorie in gigante di Marta Bassino, i podi di Federica Brignone e Elena Curtoni nelle discipline veloci e gli exploit di giovani atlete come Laura Pirovano e Nadia Delago ha dato ulteriore vigore alla determinazione della bergamasca, pronta a migliorarsi ulteriormente in vista dei Mondiali di Cortina.

“Sono contenta di dividere il podio con Elena Curtoni, perché era il mio incubo quando eravamo piccoline – ha confessato Goggia ai microfoni della FISI -. Siamo in un anno fantastico, siamo una squadra forte, ma che è composta da tante individualità forti, che permettono di alzare l’asticella ogni volta”.

In attesa di cimentarsi nuovamente in discesa e di poter rafforzare ulteriormente la propria leadership, la campionessa olimpica punterà ora a trionfare anche nel supergigante di domenica: “Questa è una pista che ho nelle mie corde e in discesa mi viene abbastanza facile, ma in superG non sono mai riuscita a fare qualcosa di buono. È un’occasione”.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.