I vertici di Bper incontrano la Camera di commercio di Bergamo - BergamoNews
Economia

I vertici di Bper incontrano la Camera di commercio di Bergamo

L’intento è di trovare sinergie che possano supportare le imprese nell’incerto contesto economico nel quale si trovano ad operare.

I vertici di BPER Banca hanno incontrato venerdì 22 gennaio i rappresentanti della Camera di Commercio di Bergamo. Il Presidente di BPER Banca Pietro Ferrari e il Vicedirettore Generale Vicario Stefano Rossetti hanno dialogato con il Presidente della Camera di Commercio di Bergamo Carlo Mazzoleni e con il Segretario Generale Maria Paola Esposito, con l’intento di trovare sinergie che possano supportare le imprese nell’incerto contesto economico nel quale si trovano ad operare.

“A breve ci sarà il passaggio definitivo del ramo d’azienda – ha esordito Pietro Ferrari – e BPER Banca acquisirà una presenza molto significativa nel territorio bergamasco, che è per molti versi affine a quello in cui la nostra Banca si è storicamente radicata, con una precisa vocazione per il settore manifatturiero e un forte dinamismo delle piccole e medie imprese. L’obiettivo è diventare punto di riferimento per queste aziende e per le comunità in generale, offrendo prodotti e servizi qualificati. ll recente aumento di capitale, interamente sottoscritto dalla nostra compagine sociale, è la dimostrazione più importante della volontà di realizzare al meglio un’operazione strategica in cui Bergamo avrà un ruolo fondamentale”.

“Nel territorio bergamasco saremo presenti con oltre 80 filiali tra città e provincia – ha aggiunto Stefano Rossetti – e costituiremo una Direzione regionale che sarà a sua volta articolata in tre aree: Bergamo Est, Ovest e Centro. Vogliamo valorizzare al meglio le risorse umane che entreranno a fare parte del Gruppo e che hanno relazioni consolidate con la clientela di questi territori. Metteremo in campo il nostro impegno di grande banca nazionale che non dimentica una storia lunga oltre 150 anni, fatta di stretta vicinanza ai territori e alle economie locali. Quanto ai servizi, le nostre società prodotto operano in tutti gli ambiti più importanti – lesasing, factoring, corporate finance, private e wealth management – e inoltre BPER ha nel suo Dna una precisa vocazione di sostegno dell’export”.

“Sono convinto – ha commentato Carlo Mazzoleni – che le caratteristiche simili del tessuto imprenditoriale e il comune sentire dei rispettivi territori possano agevolare i futuri rapporti. Ritengo importante, in particolare, la vostra scelta di puntare sull’esperienza e sul radicamento locale delle risorse umane. Nel nostro sistema di imprese c’è massima apertura e voglia di collaborare con una banca a misura d’azienda. La situazione è complessa, ma credo che sapremo confermare, puntando sul ruolo centrale del manifatturiero, la capacità di resilienza e innovazione dimostrata nell’anno appena trascorso”.

leggi anche
  • L'iniziativa
    Ospedale Papa Giovanni, Bper Banca offre uno spettacolo ai piccoli pazienti
    Generico gennaio 2021
  • Col sindacato
    Passaggio di 800 lavoratori bergamaschi da Ubi e Intesa a Bper: siglato l’accordo
    Generico settembre 2020
  • Il riconoscimento
    Bper Banca sul podio dei Private Banking Awards 2020
    Generico dicembre 2020
  • Credito
    Intesa cede 77 filiali Ubi a Bper, 18 in città a Bergamo: scompare un pezzo di storia
    Bper banca (si può usare)
  • L'operazione
    Intesa Sanpaolo cede a Bper 486 filiali e 134 sportelli di Ubi Banca
    Generico settembre 2020
  • Trimestrale
    Ubi Banca, terzo trimestre giù: pesa la cessione degli sportelli a Bper
    Ubi banca
  • A modena
    Bper, l’assemblea straordinaria approva le modifiche allo statuto
    Pietro Ferrari, presidente di Bper
  • La denuncia
    Ubi diventa Bper, Spi-Cgil: “Poco rispetto per i percettori di pensioni da Paesi Esteri”
    pensioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it