Dopo gli over 80, vaccino ai carcerati. Gori: "Felice che Arcuri ci abbia ascoltato" - BergamoNews
La reazione

Dopo gli over 80, vaccino ai carcerati. Gori: “Felice che Arcuri ci abbia ascoltato”

Priorità anche al personale che lavora nelle carceri

Il commissario Arcuri ha deciso: detenuti e personale delle carceri potranno essere vaccinati contro il Covid subito dopo gli over 80.

La decisione è stata comunicata nella serata di giovedì 21 gennaio e subito il sindaco di Bergamo Giorgio Gori ha condiviso la notizia sul suo profilo Twitter commentando: “É ciò che gli avevamo chiesto insieme alla direttrice del carcere di Bergamo e alla garante dei detenuti. Felice che ci abbia ascoltato”.

Nella lettera del 13 gennaio a firma di Gori, della direttrice del carcere di Bergamo Teresa Mazzotta e della Garante dei diritti dei detenuti di Bergamo Valentina Lanfranchila, infatti, vi era la richiesta di includere con urgenza i detenuti e il personale carcerario, al momento ancora esclusi, nella lista dei destinatari di vaccino covid19.

Dopo l’iniziale mancata risposta di Arcuri che Gori aveva raccontato nella puntata radiofonica di Radio Radicale del 19 gennaio, ora una decisione è stata presa.

Una scelta forte e importante per le case circondariali italiane dove i contagi da covid non si arrestano: in base agli ultimi dati del 14 gennaio si contano 718 positivi, 640 agenti e 61 operatori contagiati, per un totale di 1419 risultate positivi nelle carceri italiane.

Secondo le ultime rilevazioni del Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria (dati aggiornati alle 20 dell’8 gennaio scorso), in particolare, all’interno del carcere di Bergamo ci sono 25 detenuti positivi al Covid asintomatici e un altro in ospedale.

Anche se, ascoltando le famiglie dei detenuti nella casa circondariale bergamasca, i positivi risultano essere molti di più. E, attualmente, nel carcere di Bergamo continuano ad essere sospese in presenza tutte le attività esterne (come scuola e laboratori creativi).

Attivi nella causa per inserire i carcerati e il personale delle carceri tra le categorie con priorità per il vaccino, anche la senatrice a vita Liliana Segre e l’associazione carcere e territorio di Bergamo.

La questione era stata discussa anche al Consiglio regionale della Lombardia con un ordine del giorno promosso dal gruppo +Europa Radicali e da Azione.

leggi anche
  • L'intervento
    Gori: “Urgente il vaccino in carcere, ma Arcuri non risponde”
  • La risposta
    “In carcere a Bergamo 25 contagiati? Dal ministero dati falsi, sono molti di più…”
  • I dati
    Covid in carcere, a Bergamo 25 positivi: un detenuto in ospedale
  • Abitava a grassobbio
    In carcere a Bergamo, 34enne continuava a gestire lo spaccio di cocaina
  • L'appello
    Il Covid in carcere, Segre: “Impossibile arginare il contagio. Vaccinate i detenuti”
  • Bergamo
    Il Covid in carcere: positivi venti agenti di sorveglianza, nuovi tamponi ai detenuti
  • Un anno dopo
    Gori, la fatica, l’impegno e la Bergamo martoriata: “Se solo avessimo saputo”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it