Quantcast
Dalmine, multa per semaforo rosso annullata: per il Giudice non basta la foto - BergamoNews
La sentenza

Dalmine, multa per semaforo rosso annullata: per il Giudice non basta la foto

Nel ricorso l'automobilista aveva spiegato di essere passato perché arrivava un'ambulanza. Il comandante Amatruda: "Decisione assurda"

“Non è stata provata la responsabilità in quanto l’accertamento automatico dell’infrazione semaforica non consente al soggetto accertatore di valutare ogni elemento utile al momento dei fatti, avendo egli operato tale manovra in assoluta sicurezza e con tutte le cautele imposte, non causando alcun pericolo o intralcio alla circolazione per gli altri utenti della strada”.

Con questa motivazione il Giudice di pace del Tribunale di Bergamo Ernestina Carrara ha annullato un verbale da 326 euro (oltre a 20,60 euro per le spese di accertamento) elevato a un automobilista che era passato con il rosso al semaforo delle piscine, quello all’incrocio tra viale Locatelli e l’ex Provinciale 525.

L’infrazione era stata rilevata il 18 gennaio 2015 grazie al sistema di telecamere installato nella zona del semaforo. Dopo qualche settimana l’automobilista, bresciano, che secondo la sua versione quel giorno era passato con il rosso perché dietro di lui stava arrivando un’ambulanza a sirene spiegate, aveva ricevuto a casa il verbale con le foto che accertavano l’infrazione.

L’uomo però non si è arreso e ha deciso di rivolgersi all’ufficio legale di Ricorsi.net, associazione napoletana di esperti in materia che opera in tutta Italia. Del caso se n’è occupato l’avvocato Alberto Russo, che basandosi su alcuni orientamenti della Cassazione ha presentato prima un ricorso amministrativo al Prefetto di Bergamo per chiedere l’annullamento della sanzione, che l’aveva rigettato, poi al Giudice di pace di Bergamo che invece l’ha accolto.

“Si tratta di una sentenza rivoluzionaria – spiega il legale – destinata a far scuola e mettere in crisi l’intero sistema di rilevazione tramite questo tipo di dispositivi delle forze dell’ordine.

Per il giudice non sono bastate infatti le immagini, ma l’operatore avrebbe dovuto provare non solo che il mio assistito fosse passato col rosso, ma anche che la manovra avesse creato pericolo agli utenti della strada. E quindi essere sul posto al momento dell’infrazione”.

Il verdetto è stato accolto con un certo disappunto dal comandante della polizia locale di Dalmine Aniello Amatruda: “Mi sembra una sentenza abbastanza stravagante – le parole dell’agente – in quanto la contravvenzione è stata elevata grazie alle immagini di un sistema automatico regolarmente omologato. L’automobilista avrebbe dovuto provare che non fosse passato col rosso, oppure che l’avesse fatto per motivi validi come l’arrivo di un’ambulanza”.

“In ogni caso – prosegue Amatruda – questa decisione assurda non fa storia poiché emessa da un Giudice di pace, non da una Cassazione, e anche perché tutti i precedenti ricorsi per questo motivo, a quel semaforo, erano stati respinti. E non escludo che faremo ricorso in Tribunale. Intanto ovviamente le multe continuiamo a farle. A mio avviso è molto più importante la sicurezza della circolazione rispetto ai cavilli giuridici”.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
Il concerto di Youssou N'Dour a Trezzo
Antitrust
Illeciti nella vendita di biglietti dei concerti: maxi multa da 10 milioni a TicketOne
controlli, carabinieri, polizia
Bergamo
In giro in auto senza un valido motivo, ubriaco e non patentato: 7mila euro di multa
Polizia notte
#ioapro1501
Due ristoranti aperti fuori orario, a Orio 30 clienti allontanati: multati i titolari
Unione insieme sul serio polizia locale
A gazzaniga
Senza assicurazione, tenta fuga da film dai vigili: via la patente e maxi multa
polizia locale disabili
Un anno fa
Vigile si tolse la vita dopo gli insulti: 3 commentatori segnalati per istigazione
Rossini - giacca
La novità
Rossini: la prima giacca da lavoro a visibilità attiva sviluppata in collaborazione con Osram
Dalmine, donna senza vita in casa: arrestato il figlio
A dalmine
Uccise la madre, assolto dal giudice perchè incapace di intendere e volere
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI